Venerdi, 6 dicembre 2019 ore 02:21  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Parcheggi disabili e dializzati occupati da non aventi diritto, nuova denuncia di Salvatore De Biase

Ieri la vicenda è stata diramata dalle forze dell'ordine

Parcheggi-disabili-e-dializzati-occupati-da-non-aventi-diritto-nuova-denuncia-di-Salvatore-De-Biase
Venerdì 29 Novembre 2019 - 12:20

«O che ci siano i Direttori Generali, con le relative figure governative, o che ci siano i Commissari straordinari, l’area parcheggio destinata ai soggetti disabili, quella posta davanti l’accesso principale della struttura ospedaliera di Lamezia Terme, risulta sempre inibita a chi ne ha diritto», contesta l’ex presidente del consiglio comunale Salvatore De Biase, «nello specifico ai disabili, a quanti devono beneficiare dei servizi per i dializzati, a quanti richiedono le cure per le loro gravi patologie, non possono parcheggiare, e magari, accompagnati dai loro familiari, in questo periodo anche sotto la pioggia, devono recarsi al vicino parcheggio privato e pagare. E questo è il minimo, per poi raggiungere i luoghi della cura, in un calvario offensivo della dignità umana. Insomma, gli abusi, le insensibilità, il rossore da parte di chi dovrebbe tutelare soggetti non c’è verso chi ha gravità patologiche evidenti, per cui occorrerebbe maggiore attenzione».
De Biase rivolge così «appello ai Commissari, al Direttore Sanitario dott. Antonio Gallucci, al Direttore Amministrativo Giuliana Gioffrè, al Direttore dell’Ufficio Tecnico Achitetto Carlo Nisticò, soggetti che hanno le competenze e la visione complessiva per ascoltare e per rispondere ad una problematica oramai incancrenitasi. Sicuro di trovare una voce amplificata da parte della stampa, per far sì che tale disumanità vissuta direttamente, nella giornata del 28 novembre, che ha obbligato il sottoscritto ad esprimere un ringraziamento alle forze dell’ordine specificatamente intervenuti in modo esemplare, per redimere ingerenze e spazi impropriamente occupati».
In tal caso basterebbe anche maggiore senso civico da parte degli utenti.




ULTIMISSIME