Sabato, 18 gennaio 2020 ore 16:08  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

«Non saremo turisti in consiglio, come qualcuno blatera, ma operai a servizio dei concittadini»

Confermando la volontà di rimanere in consiglio comunale nella fila dell’opposizione, Ruggero Pegna formula «al sindaco Paolo Mascaro i migliori auguri di buon lavoro per il bene della Città; auguri che estendo a quella che sarà la sua nuova giunta»

Non-saremo-turisti-in-consiglio-come-qualcuno-blatera-ma-operai-a-servizio-dei-concittadini
Giovedì 05 Dicembre 2019 - 19:5

Confermando la volontà di rimanere in consiglio comunale nella fila dell’opposizione, Ruggero Pegna formula «al sindaco Paolo Mascaro i migliori auguri di buon lavoro per il bene della Città; auguri che estendo a quella che sarà la sua nuova giunta. Lamezia ha bisogno che si recuperi l’enorme tempo perso con un’azione amministrativa capace di ammodernarne ogni angolo e dare ai cittadini una città più bella, una migliore qualità della vita, servizi necessari, benessere, risposte ai tanti bisogni, puntando sul sostegno ad ogni attività commerciale e imprenditoriale e, mi auguro in modo finalmente efficace, su cultura, turismo e bellezza».
Si specifica che insieme ai consiglieri eletti che ne avevano supportato la corsa a sindaco «faremo sentire le nostre idee, porteremo le nostre visioni e i nostri progetti, daremo il nostro contributo sempre aperto ad ogni confronto con qualsiasi forza politica, in modo utile alla Città, nostro unico obiettivo. E’ il momento che, anche nell’area che ufficialmente mi ha espresso, si cominci a voltare pagina e si avvii concretamente un processo di cambiamento, sempre vigili e a difesa di una corretta e trasparente azione amministrativa, capace di restituire a Lamezia Terme l’immagine pulita e sana che merita, tale anche da poter riavvicinare tutti i lametini alla politica».
Per Pegna «l’astensione registrata al recente turno elettorale, infatti, è un chiaro segnale di disaffezione, che può essere curata solo con la buona amministrazione, basata su principi etico-morali, legalità, reale spirito di servizio e risultati concreti. Non saremo turisti in consiglio, come qualcuno blatera, ma operai a servizio dei concittadini, antidoti e anticorpi anche ai virus della vecchia politica e di logiche refrattarie al cambiamento, lesive della stessa dignità della Città. Cambiamento che, grazie anche ai tanti giovani candidati non eletti che ho conosciuto e che ringrazio per il supporto, continuerà irreversibilmente anche in futuro».
 




ULTIMISSIME