Martedi, 28 gennaio 2020 ore 05:39  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Plauso per la nuova giunta Mascaro ma critiche possibili sul proseguimento del Psc da parte di Italo Reale

Incompiuto sia dell’amministrazione Speranza che di quella Mascaro, che sarebbe in una fase più che avanzata con la valutazione delle osservazioni presentate che dovranno poi essere approvate in consiglio comunale

Plauso-per-la-nuova-giunta-Mascaro-ma-critiche-possibili-sul-proseguimento-del-Psc-da-parte-di-Italo-Reale
Venerdì 06 Dicembre 2019 - 12:25

«Una Giunta di professionisti stimati e corretti quella presentata da Paolo Mascaro», reputa Italo Reale dalle fila del Pd, contestando nuovamente i toni tenuti in passato dal primo cittadino ora rieletto dopo lo scioglimento del consiglio comunale, sostenendo di voler essere «però ottimista e considerare questa scelta una svolta che, se pur non potrà cambiare quello che è già successo in campagna elettorale, consentirà a tutti di fare la propria parte con maggiore disponibilità».
Subito dopo attacco sul Psc, incompiuto sia dell’amministrazione Speranza che di quella Mascaro, che sarebbe in una fase più che avanzata con la valutazione delle osservazioni presentate che dovranno poi essere approvate in consiglio comunale dove il Pd avrà 2 consiglieri comunali che dovrebbero dire la propria versione, oltre ad una commissione urbanistica in cui l'opposizione dovrebbe avere più rappresentanti rispetto alla maggiornaza come nelle altre (dato il numero di gruppi che si andranno a formare). 
«Ora non prossimo pretendere che Mascaro sposi il concetto di “consumo zero del suolo” ma ci aspettiamo che rispetti le norme della Legge Regionale, del Piano Paesistico, non provochi un aumento delle tasse sui terreni e non faccia perdere finanziamenti per il recupero del già costruito», incalza Reale, «è proprio questo documento di programmazioni ma di immediato impatto sulla città che ci dirà se Mascaro intende lavorare per la città o per i suoi raccoglitori di voto, se intende dare ordine e servizi a Lamezia o perseverare nella politica dei piccoli (e neanche tanto piccoli) favori e se finalmente a deciso invece di difendere i beni comuni e la collettività».
g.g.




ULTIMISSIME