Lunedi, 20 gennaio 2020 ore 19:38  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
SPORT

L’associazione culturale passione e tradizione Vigorina titubante sul ritorno di un'unica Vigor Lamezia

Si chiede un confronto pubblico alla società di Prima Categoria 

Lassociazione-culturale-passione-e-tradizione-Vigorina-titubante-sul-ritorno-di-un-unica-Vigor-Lamezia
Sabato 07 Dicembre 2019 - 11:55

L’associazione culturale passione e tradizione Vigorina, dichiarandosi «fedele ai principi fondanti di tutela e salvaguardia del tifo e della storia biancoverde», in merito alla prossima unificazione delle due società calcistiche quali Vigor Lamezia 1919 e Vigor 1919 mostra scetticismo.
«Prendendo atto della nobile volontà di ‘’riunificare’’ il mondo Vigor, considerati gli insegnamenti trasmessi dal recente e tragico passato, data la mancanza di chiarezza in merito a tali progetti di ‘’fusione’’ ed ‘’ingresso’’ di presunti imprenditori all'interno del futuro apparato societario, si riserva dall'esprimere alcun giudizio in merito a tali dinamiche, in attesa di chiarimenti da parte delle 3 parti in questione», precisa l’associazione, «dati tali presupposti, è doveroso per noi mantenere alta la guardia e le distanze, assicurandoci che chiunque abbia intenzione di fregiarsi del secolare vessillo biancoverde lo faccia nel totale rispetto dei tifosi che, ci teniamo a ribadire, rappresentano l’unico concreto strumento di aggregazione, crescita e rilancio calcistico e culturale. Ci auguriamo che il bene dei nostri colori possa trionfare basando ogni azione futura su dinamiche chiare che possano allontanare ogni ragionevole riserva». 
In particolare si ci rivolge alla Vigor 1919 per «intraprendere un immediato confronto pubblico con i propri sostenitori nonché partecipanti al progetto di ‘’Azionariato popolare’’, per valutare e stabilire le modalità, i limiti e le soluzioni idonee affinché tale nobile progetto possa essere l’inizio di un futuro prospero e non la riproposizione di schemi societari e sociali che ben conosciamo. Siamo aperti ad un limpido confronto».




ULTIMISSIME