Mercoledi, 29 gennaio 2020 ore 03:34  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
SPORT

Royal Team Lamezia domani di scena sul campo della capolista Fasano

Out Gatto, ceduta Lavado alla Mediterranea 

Royal-Team-Lamezia-domani-di-scena-sul-campo-della-capolista-Fasano
Sabato 07 Dicembre 2019 - 15:30

Scontro diretto domani alle 17 per la Royal Team Lamezia di scena sul campo della capolista Dona Style 21 Fasano, dove milita l’ex Linza, per la 10/a giornata di A2. La formazione pugliese ha vinto praticamente tutte le 9 giornate disputate fin qui, una in più della Royal Team che invece, persa la prima a Molfetta con cui divide il secondo posto, poi non si è più fermata vincendo le successive 8. Ovvio che il match di domani è alquanto probante, soprattutto indicativo se la Royal potrà sbarrare la strada, anche in futuro, alla capolista pugliese, senza trascurare anche la forza del Molfetta.
La Royal si presenterà in Puglia senza l’indisponibile Gatto, e Lavado che, alla recente apertura del mercato-futsal, è stata trasferita al Mediterranea, squadra sarda ultima nel girone A di Serie A2. «Massimo rispetto per il Fasano – spiega mister Carnuccio – ma quanto sapientemente costruito finora non è frutto del caso ma di lavoro e sacrificio. Faremo la nostra gara, consapevoli che contro una squadra costruita per la vittoria del campionato dovremo mettere in campo la prestazione perfetta. Ma sono fiducioso, le ragazze si sono allenate bene in settimana e tutti insieme cercheremo di ottenere punti».
Anche il portiere Radu carica le compagne: «ci aspetta una gara dura perché il Fasano ha un buon gioco e ottime individualità. Servirà la miglior Royal per dare continuità alle prestazioni oltre che ai buoni risultati ottenuti finora. Sarà una battaglia e la differenza la farà la fame di vittoria».
CONVOCATE: i portieri Radu e Fakaros; quindi Moreno, Primavera, Polizzi, Valladares, Corrao, De Sarro, Serrano, Grandinetti.
ARBITRI: Carlo Palmisano di Taranto e Tommaso Traetta di Molfetta. Crono: Vitantonio Lillo di Brindisi.




ULTIMISSIME