Martedi, 28 gennaio 2020 ore 05:36  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Francesco Arcuri nuovo Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzares

Sono stati inoltre eletti il Vicepresidente del Consorzio, Giovambattista Macchione, ed il Componente della Deputazione Amministrativa Raffaele Mangani.

Francesco-Arcuri-nuovo-Presidente-del-Consorzio-di-Bonifica-Tirreno-Catanzares
Mercoledì 11 Dicembre 2019 - 14:40

Nel corso della seduta di ieri il Consiglio dei Delegati del Consorzio, eletto nella tornata elettorale dello scorso 17 novembre, ha proceduto alla elezione del Presidente del Consorzio di Bonifica Tirreno Catanzarese nella persona dell’imprenditore agricolo lametino Francesco Arcuri. Sempre nel corso della stessa seduta del Consiglio sono stati inoltre eletti il Vicepresidente del Consorzio, Giovambattista Macchione, ed il Componente della Deputazione Amministrativa Raffaele Mangani.
Con questo ultimo atto il Consorzio di Bonifica ha concluso il previsto iter di rinnovo dei suoi Organi di governo democraticamente scelti dai propri consorziati, così come previsto dalla legge nazionale e regionale. Un atto che porta in sé il valore aggiunto dell’autogoverno degli agricoltori nei servizi all’agricoltura che camminerà in parallelo con il necessario rilancio della programmazione degli interventi di competenza che dovranno essere indirizzati al potenziamento dei servizi alle aziende agricole, a sostenere e rilanciare la difesa del suolo, la prevenzione dai fenomeni di dissesto del territorio per assicurare la sicurezza territoriale a tutto il comprensorio che è composto dagli insediamenti produttivi agricoli e civili. Un programma di impegni e di azioni che sarà indispensabile attuare in stretta concertazione con tutti i soggetti portatori di interessi comuni operanti sul territorio: Regione, Provincia e Amministrazioni Comunali, perché lo sviluppo civile ed economico di un comprensorio passa dai servizi utili a promuovere economia circolare e dalla sicurezza territoriale e dei collegamenti viari.
Nel corso dei lavori sono fra l’altro intervenuti i consiglieri Manolo Pasini e Franco Fazio: il neo consigliere e imprenditore agricolo Manolo Pasini ha evidenziato il nuovo ruolo che il Consorzio dovrà assumere nella legislatura che sta iniziando; un ruolo che dovrà essere caratterizzato da un miglioramento dei servizi in generale, nonché una maggiore partecipazione e coinvolgimento alla gestione tutta dell’Ente. Il Consigliere Franco Fazio, nel formulare gli auguri di buon lavoro ha rimarcato il significato di un rinnovato impegno finalizzato a garantire sostenibilità finanziaria e continuità gestionale del Consorzio. Sono inoltre intervenuti nel corso dei lavori tutti i componenti del Consiglio dei Delegati neo eletti entrando nel merito della programmazione e delle iniziative da attuare nell’avviata legislatura. 
Al termine dei lavori del Consiglio dei Delegati del Consorzio Tirreno Catanzarese sono intervenuti Franco Aceto, Francesco Cosentini e Pietro Bozzo, rispettivamente Presidente Coldiretti Calabria, Direttore Coldiretti Calabria e direttore interprovinciale Coldiretti CZ-KR- VV che hanno, nella qualità dei rispettivi ruoli, augurato alla neo insediata Amministrazione consortile i migliori auguri di buon lavoro. 
Il Presidente di Coldiretti Calabria, Franco Aceto, ha evidenziato che Coldiretti «continuerà a lavorare per rafforzare il sistema delle bonifiche , sul quale Coldiretti è fortemente impegnata e determinata  e questa ulteriore e democratica affermazione  premia il gioco di squadra e la sintonia con il territorio». 
Il Presidente Arcuri  al termine dei lavori ha dichiarato che «è un incarico che svolgerò, unitamente agli Organi del Consorzio, con grande senso di responsabilità e in stretta sinergia con gli altri attori istituzionali del territorio, attraverso un’azione amministrativa concreta, basata sui principi della prudenza e della sana gestione; punterò ad ottimizzare costi e spese, razionalizzando al meglio le funzioni ed i servizi essenziali che l’ente deve garantire all’utenza con efficienza e puntualità, senza lesinare impegno per realizzare i presupposti necessari ed utili all’efficientamento dell’intera macchina consortile»




ULTIMISSIME