Sabato, 25 gennaio 2020 ore 16:31  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Forza Italia Lamezia propone Ruggero Pegna presidente del consiglio comunale

Se non fosse che il presidente del consiglio comunale non è indicato dal sindaco, ma votato dai consiglieri comunali stessi: nelle prime due votazioni serviranno almeno 16 voti, dalla terza in poi ne basteranno 13, con 15 consiglieri di maggioranza e 9 di opposizione in aula. 

Forza-Italia-Lamezia-propone-Ruggero-Pegna-presidente-del-consiglio-comunale
Venerdì 13 Dicembre 2019 - 12:35

Per Forza Italia Lamezia «i primi provvedimenti del sindaco Mascaro sono, evidentemente, improntati su scelte bipartisan, operate nella composizione della giunta. Personalità di indubbia competenza, alcune con grande esperienza proprio nella pubblica amministrazione.  Prendiamo atto, quindi, che il sindaco abbia agito in piena autonomia assumendosi totalmente, ed in perfetta solitudine, la responsabilità delle nomine che dovranno servire la Città nei prossimi anni». 
Si contesta che «il sindaco non si è chiuso nel suo ‘cerchio magico’, ma ha attinto molto dal centro sinistra. In alcuni casi, si tratta di tesserati del PD e personalità che hanno militato attivamente nelle file della sinistra estrema. Noi, però, non ci soffermiamo più di tanto sulle appartenenze ideologiche dei componenti della giunta, piuttosto, pensiamo che il percorso andrebbe completato aprendo anche alle forze politiche dell'area di centro destra che sono state alternative al progetto politico di Paolo Mascaro. Per tali ragioni sottoponiamo alla riflessione del sindaco la possibilità di offrire la Presidenza del Consiglio Comunale proprio a chi è stato il suo maggiore antagonista nella competizione elettorale. Riteniamo che eleggere Ruggero Pegna presidente del consiglio comunale rappresenti il completamento dell'azione politica ‘Mascariana’ che guarda alla pacificazione della Città e non a partiti e lobbies». Se non fosse che il presidente del consiglio comunale non è indicato dal sindaco, ma votato dai consiglieri comunali stessi: nelle prime due votazioni serviranno almeno 16 voti, dalla terza in poi ne basteranno 13, con 15 consiglieri di maggioranza e 9 di opposizione in aula. 




ULTIMISSIME