Lunedi, 20 gennaio 2020 ore 19:15  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
INPROVINCIA

Il comitato Pro Ospedale del Reventino in campo con i 5 Stelle nelle elezioni regionali

In caso di mancato riscontro della candidatura del presidente Maida non si esclude un disimpegno dalla vicenda ospedaliera

Il-comitato-Pro-Ospedale-del-Reventino-in-campo-con-i-5-Stelle-nelle-elezioni-regionali
Sabato 14 Dicembre 2019 - 10:0

All’indomani della dichiarazione di dissesto finanziario da parte dei commissari che guidano attualmente l’Asp di Catanzaro, il comitato Pro Ospedale del Reventino continua a percorrere la strada politica con l’ufficialità della candidatura del presidente Antonio Maida (che sulla piattaforma Rosseau raccolse 31 preferenze) tra i candidati delle due liste attigue al Movimento 5 Stelle.
«Abbiamo portato a conoscenza di Parentela e di Francesco Aiello gli ultimi fatti relativi alla criticità dell'ospedale i quali si sono dimostrati costernati su quanto accade», sostiene il Comitato, «Aiello ci ha esortati a produrre in modo sintetico le nostre rimostranze su un testo WhatsApp, che lo stesso ha girato al capo politico del movimento Luigi Di Maio, il quale è stato edotto anche verbalmente del problema e a cui abbiamo chiesto un incontro. Crediamo di aver fatto il massimo per il momento, anche se non teniamo da parte la strada che porta alle procure». 
Tra circa un mese di voterà per le regionali, ed in vista di tale scadenza il comitato precisa che «da questo momento chiederemo al territorio tutto il supporto elettorale, che dovrà essere anteposto alle ideologie e premiare quanto abbiamo fatto in tredici anni di ininterrotto interesse per l'ospedale. Se il consenso sul Presidente Maida sarà cospicuo, allora avremo carburante per continuare il nostro percorso iniziato il 4 febbraio del 2007. Diversamente declineremo ogni impegno possibile, e saranno i cittadini a scegliere chi li dovrà difendere, posto che esistano persone interessate alla battaglia per la struttura, e non usare la battaglia per la struttura per la costruzione di una propria identità politica del tutto personale. E qualora esistono siamo i primi ad esserne felici, ci toglierebbero un gravoso impegno».




ULTIMISSIME