Mercoledi, 29 gennaio 2020 ore 03:36  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
SANITA' E SALUTE

All’Aism di Lamezia e all’Associazione Sassolini Onlus il ricavato della festa del vino

Il presidente Morabito ha ribadito che «non si tratta di grandi somme ma che, certamente, tutti i componenti dell’associazione San Nicola si sono ritrovati d’accordo nel fare questo piccolo gesto d’amore verso chi vive quotidianamente nella sofferenza»

AllAism-di-Lamezia-e-allAssociazione-Sassolini-Onlus-il-ricavato-della-festa-del-vino
Sabato 14 Dicembre 2019 - 19:15

Così come era stato preannunciato, l’Associazione San Nicola ha devoluto il ricavato della ‘Festa del vino’ in beneficenza. L’incasso della manifestazione tenutasi il 30 novembre scorso nel centro storico di Sambiase è stato diviso e donato all’Aism di Lamezia, con sede a Savutano, e all’Associazione di volontariato Sassolini Onlus che opera nel reparto di Oncoematologia pediatrica dell’ospedale “Pugliese – Ciaccio” di Catanzaro
Così è già avvenuto in passato e così è stato fatto anche per questa ultima edizione della Festa del vino. Le donazioni benefiche hanno dato ai sannicolini l’opportunità di vivere un sentito momento di incontro con la realtà lametina dell’Aism (Associazione italiana sclerosi multipla) guidata dalla presidente Angela Gaetano. Si è trattato di un vero momento di festa che l’atmosfera delle imminenti festività natalizie ha reso ancora più intenso ed emozionante.
A partecipare all’iniziativa anche il vicesindaco Antonello Bevilacqua e l’assessore Luisa Vaccaro. Sempre durante la visita alla sede Aism è stato consegnato l’assegno per l’associazione Sassolini Onlus alla componente del sodalizio Angela Isabella che da anni fa volontariato in corsia tra i piccoli pazienti affetti da patologie oncologiche. 
Il presidente Morabito ha ribadito che «non si tratta di grandi somme ma che, certamente, tutti i componenti dell’associazione San Nicola si sono ritrovati d’accordo nel fare questo piccolo gesto d’amore verso chi vive quotidianamente nella sofferenza. Da parte di tutti i componenti del sodalizio anche l’esortazione a vivere la malattia non segregandosi in casa come ancora avviene in molti casi». 




ULTIMISSIME