Mercoledi, 20 novembre 2019 ore 05:06  feed rss  facebook  twitter
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
Lameziainforma.it
POLITICA

Calabria terra pubblicizzata poco e male ai tour operator americani

La denuncia provienne da Danilo Greco, presidente dell'associazione Terra Futura.

Calabria-terra-pubblicizzata-poco-e-male-ai-tour-operator-americani
Lunedì 30 Settembre 2013 - 16:5

Se ogni anno i bilanci estivi per il turismo passano tra dati, polemiche e lamentele sul sistema e ciò che ne fa parte (servizi, viabilità, inquinamento del mare e dei territori, etc), Danilo Greco, presidente dell'associazione Terra Futura, lamenta come le mete calabresi siano «sconosciute al turismo americano».

Secondo Greco «la Calabria rimane meta sconosciuta ai flussi turistici provenienti dall’estero, la nostra regione viene saltata a piè pari quasi non si trattasse di Italia, dalla Campania si passa subito alla Sicilia. Eppure, niente avremmo da invidiare alle nostre regioni sorelle se non una loro migliore capacità di sfruttare le risorse del territorio».

Per l'esponente di Terra Futura «siamo il sud del sud. La mancanza di strategia di una classe politica clientelare e inadeguata ha determinato l’assenza di investimenti orientati a sviluppare quella grande risorsa che è il turismo. Le bellezze della Calabria non vengono promosse all’estero, non vengono tutelate sul territorio, rimaniamo fuori dal circuito delle grandi catene alberghiere, fuori dal circuito dei tour operator internazionali, le nostra infrastrutture non sono degne di un paese civile. Ad oggi, abbiamo un traffico aereo corrispondente a 3 milioni di passeggeri, quando, se volessimo fare un paragone con la Sicilia, dovremmo averne proporzionalmente almeno 4 milioni e 800 mila. E’ del tutto evidente che esiste un potenziale inespresso tale, da poter risollevare il destino della nostra terra».

Riportando passaggi di un' intervista al Product Manager di un tour operator americano lamenta come questi «ci informa che solo chi ha origini calabresi viene qui in vacanza. Gli stereotipi sulla mafia inibiscono l’interesse dei turisti, la mancanza di promozione fa il resto. La Calabria non investe su se stessa e i risultati sono sotto gli occhi di tutti». 




ULTIMISSIME