Quantcast

«L’augurio che posso fare ai consiglieri che siederanno negli scranni del consiglio comunale è quello di poter fare una opposizione forte e decisa, ma mirata al bene della città»

Anche il componente dell’Assemblea Nazionale di Fratelli d’Italia, Raffaele Mastroianni, si dice soddisfatto del risultato delle elezioni comunali di Lamezia Terme al netto della sconfitta al ballottaggio

Più informazioni su


    Anche il componente dell’Assemblea Nazionale di Fratelli d’Italia, Raffaele Mastroianni, si dice soddisfatto del risultato delle elezioni comunali di Lamezia Terme al netto della sconfitta al ballottaggio, «sicuro che il contributo di Ruggero Pegna, anche se dai banchi della minoranza, sarà positivo per il bene della città, dando quel senso di bellezza all’agire politico, sostenendo iniziative per il bene comune e per fare tutto questo Fratelli d’Italia con responsabilità e serietà si professa sentinella della città attraverso una presenza sul territorio, soprattutto in quelle aree emarginate che da tempo chiedono un riscatto e di cui solitamente tanta gente se ne ricorda solo in campagna elettorale».
    Nel ringraziare i candidati vuole sottolineare «la grande crescita del partito dalla scorsa tornata elettorale del 2015; allora il partito aveva ottenuto 817 voti, oggi il lavoro e l’impegno di tutti i componenti del partito ha permesso di ottenere 3656 voti, ovvero ha più che quadruplicato il proprio consenso elettorale, facendolo risultare il primo partito della coalizione di centrodestra», avendo però candidati provenienti anche dagli altri schieramenti.
    «L’augurio che posso fare ai consiglieri che siederanno negli scranni del consiglio comunale è quello di poter fare una opposizione forte e decisa, ma mirata al bene della città», reputa Raffaele Mastroianni, «di portare finalmente e per la prima volta nel consiglio di questa città i valori, i principi, gli ideali propri di Fratelli d’Italia, tutti quei valori che hanno fatto sì che la gente potesse riconoscersi nel partito stesso e che hanno permesso la sua crescita e la sua affermazione».

    Più informazioni su