Quantcast

Per Natale concelebrazione eucaristica officiata nell’area industriale dal vescovo

Subito dopo la messa, animata dai giovani del coro della parrocchia di San Nicola di San Pietro a Maida, il vescovo ha partecipato ad un pranzo insieme agli operai ed ai titolari dell’Ecosistem.

Più informazioni su


    Il vescovo della Diocesi di Lamezia Terme, Giuseppe Schillaci, ha presieduto una concelebrazione eucaristica officiata nell’area industriale della città’ della Piana alla quale, tra gli altri, insieme ai dipendenti ed ai dirigenti della LameziaEuropa, ha presenziato anche il vicesindaco, Antonello Bevilacqua.
    Durante l’omelia, il vescovo, che era accompagnato da don Fabio Stanizzo, direttore dell’ufficio diocesano per i problemi sociali e il lavoro, ha evidenziato che «qui si lavora ed il lavoro significa dignità’ perché’ e’ un diritto ma e’ anche un dovere. Il lavoro e’ dignità’ – ha aggiunto – e dignità’ significa promuovere la società’, fare in modo che la società’ abbia sviluppo, abbia un futuro. E’ li’ che si gioca tutto. Nel lavoro dobbiamo vedere questa duplice dimensione. Io ho sempre considerato che un uomo che non lavora, in un certo qual modo e’ meno uomo dell’uomo che lavora. Noi adulti dobbiamo mettere in gioco noi stessi. Prepariamo cosi’ la via al Signore perché’ possa prendere corpo e possa nascere». Infine, la sollecitazione a «costruire una civiltà’ dell’amore che possa raggiungere tutti».
    Subito dopo la messa, animata dai giovani del coro della parrocchia di San Nicola di San Pietro a Maida, il vescovo ha partecipato ad un pranzo insieme agli operai ed ai titolari dell’Ecosistem.
    «Vogliamo essere presenti nelle realtà’ lavorative – ha commentato don Fabio – come detto dal Papa siamo la continuazione dell’opera di Dio con il lavoro, autentico, vero, creativo, partecipativo. Vogliamo essere una Chiesa presente – ha concluso – , che accompagni anche le persone nel mondo del lavoro. Per questo abbiamo sollecitato gli imprenditori a contattarci, sia per condividere le cose positive che quelle negative». 

    Più informazioni su