Anche l’Associazione San Nicola si iscrive all’elenco di coloro i quali reputano inadeguato l’ospedale di Lamezia Terme a gestire eventuali casi di coronavirus

Ma anche in questo caso nessuno contesta il silenzio stampa dell'Asp a riguardo.

Più informazioni su

Anche l’Associazione San Nicola si iscrive all’elenco di coloro i quali reputano inadeguato l’ospedale di Lamezia Terme a gestire eventuali casi di coronavirus, anche dopo l’annuncio di allestimento di un’area screening Covid-19, chiedendo una visita della presidente della regione, Jole Santelli, come avvenuto a Catanzaro.

Si contesta che «è stato realizzato il percorso perché l’ammalato vada dal Pronto Soccorso, o dalla “tenda triage”all’esterno del pronto soccorso, nel reparto adibito a centro screening, ma non si vede però la sua apertura», sottolineando come «la striscia rossa che si mostra nelle foto pubbliche, è la barriera protettiva che hanno stabilito possa dare sicurezza al percorso ma rimane virtuale senza che il cittadino la possa frequentare perchè i reparti pronti non sono frequentati», ricopiando così le domande che ieri altra sigla poneva al sindaco Mascaro su barelle, Tac, personale, strumenti, sanificazione, destinazione di fondi (al netto delle donazione giornalmente documentate da parte di privati e associazioni), formazione del personale. Ma anche in questo caso nessuno contesta il silenzio stampa dell’Asp a riguardo.

Più informazioni su