Quantcast

Con i pazienti Covid-19 anche il personale va al Mater Domini, i 5 Stelle lametini si associano nel chiedere la riapertura di malattie infettive

Si ci interroga anche se nelle case di riposo si sia verificato il rispetto delle misure di sicurezza

Più informazioni su

Ad oltre un mese dai primi casi, ora guariti, con un sistema regionale e provinciale già impostato da Regione, commissario alla sanità e quelli dell’Asp di Catanzaro, il Meetup 5 Stelle Lamezia Amici di Beppe Grillo sposano la richiesta di Cesare Perri per la riapertura del reparto Malattie Infettive, attrezzato per il Covid-19, dell’ospedale “Giovanni Paolo II” di Lamezia Terme.

Se la proposta non ha trovato alcun accoglimento fino ad ora, i grillini giocano la carta più volte e da più parti scelta della centralità del nosocomio, puntano il dito contro la politica regionale (ma non quella nazionale di cui son forza di Governo, quando è passato un anno senza grossi risultati dal decreto Calabria) e conflitti di interesse tra settore privato e pubblico.

Quando i primi tamponi e controlli sono stati effettuati nei giorni scorsi, i grillini chiede se nelle varie case di riposo per anziani presenti in città siano stare rispettate «le necessarie misure di sicurezza a tutela della salute, e della stessa vita, di ospiti e lavoratori», rimarcando che «a due mesi dall’inizio dell’emergenza, nessuno ha ancora capito come siamo realmente messi in termini di assistenza Covid-19 e di sicurezza per chi deve recarsi in ospedale per altre patologie».

Infine si rimarca come l’Ospedale di Lamezia, non avendo dato disponibilità ad accogliere i pazienti di Chiaravalle, ha visto il trasferimento del personale destinato a potenziare allo scopo gli ulteriori posti letto verso il Mater Domini con il consenso dell’Asp.

Più informazioni su