Santelli critica verso il possibile arrivo di 50 migranti dalla Sicilia in Calabria

La presidente della Regione reputa un rischio ed una contraddizione rispetto alle misure in atto

Più informazioni su

«In una fase di emergenza sanitaria come quella che stiamo vivendo il Governo ha l’obbligo morale, prima ancora che politico, di chiudere totalmente i confini agli sbarchi di persone provenienti da paesi come quelli dell’Africa, che hanno dichiarato la pandemia e sono in totale assenza di controlli» lamenta Jole Santelli, Presidente della regione Calabria, anche se la pandemia non è una dichiarazione dei singoli stati ma dell’Oms, e l’attuale Governo ha già emesso ulteriori misure restrittive sugli sbarchi non potendo però andare oltre quanto stabilito da procedure internazionali.

L’indignazione della Santelli deriva dalla «notizia che il Governo sta mandando in Calabria circa 50 migranti provenienti dalla Sicilia, ignorando in tal modo non solo le ordinanze regionali ma anche i decreti dello stesso Governo che dovrebbero bloccare la mobilità interregionale», anche se la ricollocazione degli stranieri soccorsi è interna al Ministero dell’Interno.

Più informazioni su