Quantcast

Alcuni consiglieri comunali di maggioranza plaudono ai tamponi, però facoltativi, per i fuorisede di ritorno

Giancarlo Nicotera, Enrico Costantino, Antonio Lorena e Danilo Gatto condividono la strada intrapresa ed annunciata dalla Regione.

Mentre oggi sono tornati i primi fuori sede, con possibilità di sottoporsi al tampone a Lamezia Terme nei 3 principali snodi di arrivo (stazione ferroviaria e aeroporto al netto delle poche tratte attive, uscita autostradale per il trasporto autonomo), i consiglieri comunali Giancarlo Nicotera, Enrico Costantino, Antonio Lorena e Danilo Gatto condividono la strada intrapresa ed annunciata dalla Regione.

«Conciliare le esigenze legate al rientro di molti nostri conterranei con la necessità di sicurezza della collettività calabrese, è possibile», sostengono i 4 consiglieri di maggioranza, «è importante mettersi nei panni dei nostri ragazzi che sono fuori per motivi di studio o di coloro che non possono lavorare più al Nord ed hanno la necessità vitale ed economica di fare rientro qui e ricongiungersi alle proprie famiglie. Ma é altrettanto fondamentale non compromettere gli sforzi immani sin qui fatti dai cittadini e dal nostro tessuto produttivo».

Si plaude all’assessore regionale Gianluca Gallo, ma per i passeggeri il tampone si sta rivelando facoltativo: dopo 2 esiti negativi, infatti, si potrà non effettuare l’autoisolamento necessario insieme all’essersi registrati online (ieri erano 7500 le richieste di rilascio del pin per accedere al form online di prenotazione rientri, con compilate più di 4200 schede, mentre 800 richieste di pin non sono state completate positivamente a causa di indirizzi email non corretti, mailbox piene e blocco antispam dei server di posta).