Quantcast

Fratelli d’Italia chiede una relazione in consiglio comunale su Sacal del presidente uscente De Felice

A relazione in consiglio comunale dovrebbe essere però il rappresentante del Comune

Più informazioni su

A 3 mesi di distanza dalla presa di posizione di Sacal, e dopo la risposta della comunità europea sul mancato cofinanziamento, continuano le reazioni sul mancato cofinanziamento per l’ampliamento dell’aerostazione lametina.

Il coordinamento cittadino di Fratelli d’Italia chiede che il presidente della Sacal, Arturo De Felice, relazioni in consiglio comunale «in merito alla sua gestione ed alle sue scelte a dir poco discutibili», chiedendo l’intervento di Sergio Abramo per la provincia di Catanzaro e Paolo Mascaro per il comune di Lamezia Terme «quali soci pubblici dei territori maggiormente danneggiati da queste scelte le cui ricadute sociali saranno a danno dell’intera collettività calabrese, nonché alla Presidente della Regione Calabria Iole Santelli la quale siamo sicuri interverrà a tutela della mobilità Calabrese che le starà certamente a cuore giacché pendolare da una vita nonché cittadina di questo territorio servito dall’aeroporto del Mediterraneo».

Poi la Provincia nell’approvare il bilancio di previsione ha già dato parere negativo su eventuali ricapitalizzazioni in società partecipate, a relazione in consiglio comunale dovrebbe essere il rappresentante del Comune (vigente dovrebbe essere ancora Lacaria, nominato dalla terna commissariale, e fino ad ora nessun atto di conferma o cambio è arrivato dal sindaco Paolo Mascaro, mentre De Felice è stato nominato dalla Regione sotto la gestione Oliverio), a breve la stessa Sacal dovrebbe approvare il terzo bilancio sotto la gestione De Felice con possibilità per i soci di modificare i propri rappresentanti di un cda in scadenza di mandato.

Più informazioni su