Quantcast

Su tempi e modi di riapertura in sicurezza delle scuole Villella (Pd) presenta un’interrogazione

L'esponente dell'opposizione pone dubbi sulla mancata chiarezza in merito ai lavori da effettuare

A 20 giorni dall’avvio delle lezioni nelle scuole dell’obbligo, il consigliere comunale Aquila Villella (Pd) presenta un’interrogazione a risposta orale per sapere dal Comune il reale stato delle attività sui lavori da effettuare nelle aule e sul trasporto pubblico.

L’esponente Pd ricorda il finanziamento di 400.000 euro arrivato in via Perugini per l’adeguamento degli istituti, ma anche che per via della penuria di personale la fase progettuale è stata affidata all’esterno, lamentando che «ad oggi non risultano chiare le modalità di erogazione dei finanziamenti in capo ad ogni Istituto scolastico e non risulta siano state avviate azioni di sostegno agli Istituti scolastici della Città;i Dirigenti Scolastici hanno presentato i propri Piani di rientro in sicurezza già nel mese di Luglio, su sollecitazione anche dell’Amministrazione; la riapertura delle scuole è imminente e sono necessarie ulteriori 78 aule al fine di sistemare in sicurezza gli alunni».

Si chiedono così al sindaco «le ragioni che hanno condotto l’amministrazione a fissare il termine dell’incarico per la redazione della progettazione esecutiva e direzione lavori al 31/12/20 mentre le Scuole riaprono il 24 settembre come fissato da un’ordinanza regionale; le ragioni, che hanno condotto a non “avvalersi” dei poteri commissariali, conferiti dall’art. 7 ter, per garantire l’apertura in sicurezza delle Scuole in tempi celeri, venendo meno così al doveroso esercizio della propria responsabilità politica».

Si chiede poi «di conoscere i tempi e le modalità di attivazione e di erogazione dei fondi destinati ad ogni Scuola; quali strumenti ha inteso attivare in ordine alle nuove regole sul TPL che limitano la presenza degli utenti sui mezzi pubblici nel rispetto del distanziamento di sicurezza».

Interrogazione che però, con la seduta del bilancio di previsione che dovrebbe essere fissata prima dell’apertura delle scuole, potrebbe essere discussa in consiglio comunale dopo la prima campanella.