Anche i consiglieri di Forza Italia, Mastroianni e Folino, chiedono di chiudere le scuole della città

Per il tempo necessario a valutare il nuovo evolversi della situazione epidemiologica

Anche i consiglieri di Forza Italia, Antonio Mastroianni e Matteo Folino, chiedono di chiudere le scuole della città, o almeno quelle che rimarranno aperte da domani per via della zona rossa o che non sono già state attenzionate.

«Oramai è palese che Lamezia Terme stia affrontando in questi giorni il periodo più difficile dall’inizio della pandemia. Il numero dei soggetti attualmente positivi, rispetto ad una popolazione di circa 70.000 persone, non è certo elevato ma il progredire giornaliero dei contagi fa decisamente preoccupare», sostengono i due forzisti, «sebbene durante la prima ondata la nostra città sia risultata indenne dal contagio, con pochissimi casi circoscritti, ora la situazione è sicuramente più critica».

Si lamenta che «purtroppo i problemi nel tracciamento dei contatti con relativo ritardo nella trasmissione dei dati, i primi casi nel campo rom di Scordovillo così come i contagi in aumento in molte scuole della città sono la dimostrazione che niente va sottovalutato. Conseguenza di tutto ciò sono le continue chiusure di alcune classi scolastiche nonché le recenti ordinanze di chiusure dei due Istituti comprensivi “Gatti” e “Perri”».

«In virtù di questa situazione epidemiologica della città oggi la scuola non può certo considerarsi un luogo sicuro e sta portando alla determinazione di molti genitori di non far frequentare le lezioni in presenza ai propri figli», conclude la nota stampa, «al fine di tutelare la salute dei più piccoli nonché di limitare il diffondersi del virus tra i bambini e di conseguenza tra docenti e famiglie chiediamo al Sindaco Paolo Mascaro di voler disporre la chiusura, per il tempo necessario a valutare il nuovo evolversi della situazione epidemiologica, di tutte le scuole presenti sul territorio comunale».