Quantcast

“Forse è arrivato il tempo di guardare in faccia questa classe dirigente, che ha tentato di governare la città negli ultimi anni”

Entro 60 giorni si terranno nuove mini elezioni con gli stessi candidati del 2019 e senza un esito di molto diverso rispetto al novembre dello scorso anno.

Più informazioni su

Per Annita Vitale, Segreteria provinciale PD Catanzaro, «di certo davvero non c’è da gioire per l’ennesimo commissariamento ma c’è da porsi obbligatoriamente delle domande per riuscire a capire ed a crescere come comunità, credo che Lamezia lo meriti. Il problema delle 4 sezioni in cui è stato annullato il voto deve farci definitamente riflettere su quale sia l’ambiente e il terreno culturale all’interno del quale ogni volta matura il voto nella nostra città».

Si chiede quindi di «ristabilire il perduto clima di trasparenza e legalità in città. Forse è arrivato il tempo di guardare in faccia questa classe dirigente, quella che ha tentato di governare la città negli ultimi anni e che, possiamo dirlo serenamente, ha costantemente fallito, per un motivo o per un altro, per responsabilità dirette o indirette. È nostro dovere come cittadini guardare in faccia i problemi, individuare i responsabili e la prossima volta fare scelte nette, mature e consapevoli, rifuggendo il mantra natalizio 2020 che vuol farci credere che siamo tutti più sereni, cullati nella storia del tutti contro Lamezia».

Se non fosse che i presidenti di seggio sono scelti dalla Corte d’Appello, gli scrutatori estratti dall’apposito albo comunale, ed in entrambi i casi sono lametini non candidati, ed entro 60 giorni si terranno nuove mini elezioni con gli stessi candidati del 2019 e senza un esito di molto diverso rispetto al novembre dello scorso anno.

Più informazioni su