Quantcast

Acquisto dei supermercati Carrefour da parte di Az Spa, le contestazioni della Cgil

Giuseppe Valentino, segretario Generale Filcams CGIL Calabria, esprime il proprio dissenso per la transizione in atto

Più informazioni su

Giuseppe Valentino, segretario Generale Filcams CGIL Calabria, esprime il proprio dissenso per la transizione in atto tra l’AZ spa, di proprietà della famiglia Noto, che sarebbe pronta ad acquisire i punti vendita a marchio Carrefour, allargando così il proprio volume di affari.

«Naturalmente, della vicenda – nonostante il CCNL di settore prevede tra i diritti di informazione che le Organizzazioni Sindacali siano messe a conoscenza di operazioni di acquisizione, terziarizzazione ed esternalizzazione – AZ spa non ha comunicato nulla continuando a gestire le relazioni sindacali in maniera quantomeno discutibile», lamenta Valentino, «nel frattempo i supermercati a marchio Carrefour si stanno svuotando e non vengono riforniti di nuova merce e tutto sembra condurre all’operazione commerciale con la nuova proprietà».

Secondo il sindacalista «questo suscita grande preoccupazione tra le lavoratrici ed i lavoratori che sentono traballare le proprie certezze occupazionali. Ci auguriamo che il gruppo Carrefour, a partire dai responsabili Nazionali, non assuma un atteggiamento di indifferenza, così come è stato nella clamorosa vicenda del punto vendita di Crotone (dipendenti licenziati dalla sera alla mattina con un sms)».

Il segretario della Cgil contesta che «AZ spa è la stessa società, infatti, condannata in primo grado per aver “cacciato” gli autisti con una finta cessione di ramo d’azienda», e che «forte del proprio potere economico, sociale e politico, si è opposta alla sentenza. Un’azienda che occupa più di 1200 lavoratori e lavoratrici in Calabria e che sta acquisendo altri punti vendita non avrebbe spazio per ricollocare 4 lavoratori cacciati ingiustamente».

La Filcams Cgil Calabria, anche attraverso la Segreteria Nazionale e le strutture territoriali «vigilerà affinché questa operazione venga effettuata nel pieno rispetto dei diritti delle lavoratrici e dei lavoratori interessati all’acquisizione e affinché nessun posto di lavoro venga perso per strada, come farebbero presagire alcune particolari operazioni commerciali che si stanno realizzando in queste ore. Sappiamo che è molto più vantaggioso per un’azienda acquistare una proprietà “alleggerita dal peso” dei dipendenti, che rispetto ai nuovi precari del jobsAct (non applicazione dell’art. 18 della Legge 300) sono più costosi e più tutelati. Noi pensiamo che prima degli affari e delle convenienze economiche vengano i diritti e la giustizia sociale».

 

Più informazioni su