Quantcast

Pitaro per l’esondazione del Cantagalli si appella alla convenzione già firmata con Calabria Verde e al Consorzio di Bonifica

Chiesto incontro sul progetto da 2 milioni e mezzo di euro non ancora appaltato dal Consorzio di Bonifica

Più informazioni su

Sopralluogo effettuato ieri pomeriggio nell’area interessata dall’esondazione del torrente Cantagalli da parte del consigliere regionale Francesco Pitaro insieme al geologo Michele Folino Gallo della ‘Prevenzione Pianificazione e Gestione dell’Emergenza-Protezione Civile’ e ai tecnici del Comune di Lamezia Terme, per «individuare le criticità a cui dare immediato rimedio per evitare il verificarsi di danni irreparabili all’ambiente, ai residenti e alle loro abitazioni», sostiene il politico.

«La Protezione Civile ha garantito che ‘Calabria Verde’ concerterà, nei prossimi giorni, con il Comune di Lamezia gli interventi di controllo, pulizia e manutenzione finalizzati a sanare un’emergenza che potrebbe sfociare, in caso di forti piogge, in una catastrofe naturale», spiega il consigliere regionale, anche se il 23 giugno è stato sottoscritto il Protocollo d’Intesa che regola i rapporti tra l’Azienda Calabria Verde ed il Comune di Lamezia Terme, e a metà dicembre prima dell’arrivo della terna commissariale si era siglata l’intesa per la pulizia di alcuni tratti dei torrenti Turrina, Cantagalli, Canne e Bagni.

Intesa siglata per la pulizia di alcuni tratti dei torrenti Turrina, Cantagalli, Canne e Bagni da parte di Calabria Verde

Pitaro poi si sofferma sul fatto che «al di là dell’azione urgente e indifferibile da concretizzare nelle prossime ore, è altrettanto importante vigilare sul progetto da 2 milioni e mezzo di euro che, però, non è stato ancora appaltato dal Consorzio di Bonifica soggetto attuatore. È un progetto che risolverebbe definitivamente il problema che affligge più aree della città, scongiurando, in questo caso e una volte per tutte, i risvolti drammatici delle esondazioni del Cantagalli e l’inaccettabile condizione di insufficienza igienica».

Per tali ragioni Pitaro sollecita «un incontro tra la Regione, il Comune e il Consorzio di Bonifica, affinché si faccia chiarezza sui tempi e sulle modalità di attuazione di un progetto già finanziato che porrebbe fine a un insostenibile disagio collettivo».

Più informazioni su