Quantcast

Rosario Piccioni di Lamezia Bene Comune propone le lezioni in presenza fuori dalle aule

Dai parchi agli spazi aperti pubblici e privati, si chiede di usare quanto a disposizione

Più informazioni su

Rosario Piccioni di Lamezia Bene Comune propone le lezioni in presenza fuori dalle aule, rimarcando come, dopo aver accompagnato lo sparuto gruppo di genitori contrari alle lezioni presenza, «purtroppo in questi ultimi mesi dappertutto, e inevitabilmente anche a Lamezia, il dibattito pubblico si è focalizzato sul tema scuole in presenza o scuole in DAD. Come spesso accade purtroppo la discussione è stata estremizzata e radicalizzata fino al punto da creare due vere e proprie fazioni come se ci fosse una partita all’ultimo sangue in cui qualcuno deve vincere e qualcuno deve perdere».

Il consigliere comunale attualmente sospeso come tutto il civico consesso per tale ragione reputa che «con l’arrivo della bella stagione, del sole e delle temperature primaverili, il patrimonio di parchi, aree verdi e strutture presenti nella nostra città ci dà l’occasione di pensare a un finale di anno scolastico che sia veramente indimenticabile per i nostri figli: e non per il Covid ma per un’esperienza didattica unica da ricordare per sempre. Sono già tante le esperienze sparse per la penisola di scuole che sfruttano l’arrivo della primavera per “ridisegnare” la didattica con spazi alternativi alle aule, per fare scuola in modo sicuro rispetto al Covid», indicando come possibili sedi il parco Peppino Impastato attaccato alla scuola Don Bosco, il parco Felice Mastroianni nei pressi della Manzoni, il Parco Gancia nelle vicinanze della Borrello, e tornando al chiuso il Museo della Memoria e gli spazi ex Cisia vicino piazza 5 Dicembre, ma anche oratori e cortili, teatri e strutture sportive.

«Certo non è una cosa semplice da realizzare ma che richiede grande fatica e lavoro», spiega Piccioni, «c’è bisogno di una vera e propria mobilitazione civile che veda tutti coinvolti: dalle istituzioni alle famiglie, dalla chiesa alle associazioni di volontariato e al terzo settore. Un ruolo guida deve essere certamente svolto dalle istituzioni preposte: a partire dall’amministrazione comunale ai dirigenti scolastici e ai docenti, che in questo momento devono pensare anche a una scuola dalla grande funzione sociale che, andando anche oltre la programmazione ordinaria, faccia tornare il sorriso e l’entusiasmo ai nostri bambini e ragazzi. Ma fondamentale anche il ruolo  dell’ associazionismo e del terzo settore che in questa città sono stati sempre una grandissima risorsa e che in questo momento potrebbero mettere al servizio delle scuole competenze, passione e soprattutto attività di animazione. E ancora pensiamo al ruolo che possono svolgere la chiesa, le parrocchie e gli oratori con la loro organizzazione e i loro spazi. E ultime, ma certamente non per importanza, le famiglie che devono essere linfa vitale per trasmettere entusiasmo collaborando con tutti gli altri soggetti e buttando anche il cuore oltre l’ostacolo».

Lo stesso esponente di Lamezia Bene Comune ammette che «non sarà concretizzabile in tutti gli istituti, ma in molte scuole cittadine sì. Magari non si riuscirà a farlo per un mese intero ma per alcune settimane sì. Intendiamoci non si tratta assolutamente di una cosa semplice, ma è venuto il momento di vedere chi è bravo solo a scrivere e sputare sentenze dietro uno schermo di un pc, di un tablet o di uno smartphone e chi vuole fare veramente crescere questa comunità. Ognuno può dare un piccolo contributo e aiuto, ma tutti insieme possiamo costruire un’esperienza che faccia di Lamezia un esempio positivo di scuola, didattica, socializzazione ed inclusione che parli all’intero Paese».

Più informazioni su