Quantcast

Furgiuele chiede la rimozione della terna commissariale dell’Asp di Catanzaro, in scadenza però a settembre

Il deputato leghista contesta l'assenza di assunzioni e la vicenda Sant'Anna, ma l'azienda è in dissesto e parte civile

Più informazioni su

Domenico Furgiuele, deputato dela Lega Salvini, chiede al Governo di «valutare l’opportunità di promuovere, con urgenza, la rimozione dei commissari dell’azienda sanitaria provinciale di Catanzaro e, in generale, l’adozione di un intervento correttivo sull’azione del commissario ad acta regionale la cui azione si sta rivelando obiettivamente non all’altezza delle esigenze dei cittadini calabresi».

Il mandato dell’attuale terna commissariale scadrà a settembre, dopo la proroga dello scioglimento dell’azienda sanitaria per infiltrazioni mafiose, e secondo Furgiuele «l’atto aziendale adottato dai predetti commissari, infatti, non tiene conto dell’esigenza estremamente urgente e improcrastinabile di procedere all’assunzione di personale medico e paramedico», non citando però il dissesto deliberato dalla stessa a dicembre 2019, ed i piani del fabbisogno del personale che prevedono più pensionamenti che assunzioni in funzione della situazione economica dell’azienda.

Per il deputato leghista «ulteriori criticità riguardano, poi, l’ospedale di Lamezia Terme, che viene nuovamente marginalizzato, nonché il Sant’Anna Hospital di Catanzaro, una delle eccellenze sanitarie del Mezzogiorno, la cui mancata contrattualizzazione getta nella disperazione centinaia di lavoratori e rischia di interrompere l’erogazione di servizi e prestazioni essenziali per i cittadini calabresi, nonostante la delicata situazione epidemiologica in atto», anche se l’Asp è parte civile nel processo in corso contro i precedenti vertici della clinica privata, oltre ad essere parte opposta nei procedimenti davanti al Tar.

Più informazioni su