Quantcast

“In vista delle riaperture utilizzo più flessibile spazi aperti per attività sportive e culturali”

Rosario Piccioni (Lamezia Bene Comune) chiede alla commissione straordinaria del Comune di "sburocratizzare"

Più informazioni su

 

In vista dell’ipotesi di ritorno in zona gialla anche per la Calabria, Rosario Piccioni (Lamezia Bene Comune) chiede alla commissione straordinaria del Comune che «si faccia ogni sforzo per “sburocratizzare” e consentire il più ampio utilizzo di spazi all’aperto, a cominciare da quelle attività che praticamente sono bloccate ormai da un anno per restrizioni e chiusure».

Si reputa che «la nostra città gode di ampi spazi da poter utilizzare per attività culturali e sportive da svolgersi all’aperto nei prossimi mesi, per rilanciare prima possibile quel patrimonio della nostra città rappresentato dalle tante realtà sportive e culturali che nell’ultimo anno sono state costrette a sacrifici enormi. Lamezia ha disposizione ben 6 parchi urbani, alcuni dei quali anche in pieno centro, e tantissime aree verdi pubbliche anche nei quartiere che possono essere utilizzate per svolgere attività ed eventi in sicurezza. Ci sono i cortili e le palestre delle scuole che saranno inutilizzati dai ragazzi durante il periodo estivo, alcuni punti caratteristici del nostro centro storico come i “vagli” di Sambiase oppure il piccolo anfiteatro realizzato alle spalle di Via Garibaldi e ancora mai reso fruibile. E ancora, andando verso la zona mare della nostra città, i due lungomari, utilizzabili sia per attività sportive che eventi culturali, in particolare l’anfiteatro “Emanuela Loi” del lungomare Falcone – Borsellino».

Secondo Piccioni «ci troviamo in un momento di emergenza che richiede un approccio flessibile per andare incontro a quelle realtà della nostra città che, in sicurezza, vogliono ripartire con le loro attività. Non sono ammissibili da parte della burocrazia comunale quegli ostracismi e quell’atteggiamento di rigidità a cui purtroppo siamo stati abituati negli ultimi. Soprattutto in questo momento la collaborazione tra il Comune e le associazioni e la programmazione sono determinanti per consentire alla nostra città, a poco a poco, di ripartire. Chiediamo ai commissari di farsi promotori prima possibile di un incontro con le associazioni sportive e culturali, con il mondo del terzo settore per consentire l’utilizzo in sicurezza degli spazi aperti della nostra città e programmare le attività e le iniziative dei prossimi mesi».

A firmare però poi dovranno essere uffici ed i dirigenti rimasti in base alle norme vigenti.

Più informazioni su