Quantcast

Coordinamento dei Soggetti Responsabili dei Patti Territoriali Calabresi incontra il Sottosegretario per il Sud e la Coesione territoriale

Il coordinatore dei Patti Territoriali calabresi Mamone ha illustrato i dati salienti del Report sullo stato di attuazione dei 15 Patti Calabresi

Più informazioni su

    Una delegazione del Coordinamento dei Soggetti Responsabili dei Patti Territoriali Calabresi composta dal coordinatore Giancarlo Mamone Patto dello Stretto spa, Antonio Ferrazzo Promotir srl e Tullio Rispoli Lameziaeuropa spa, ha incontrato a Tropea il Sottosegretario per il Sud e la Coesione territoriale, Dalila Nesci

    Il coordinatore dei Patti Territoriali calabresi Mamone ha illustrato i dati salienti del Report sullo stato di attuazione dei 15 Patti Calabresi che hanno determinato, a partire dal 1995, la realizzazione di 575 iniziative imprenditoriali e 33 progetti infrastrutturali, l’attivazione di 523 mln di investimenti, l’erogazione di 326 mln di contributi pubblici e l’occupazione a regime di 5300 unità.

    Con Legge Regionale n° 42 del 2 agosto 2013, 8 società soggetti responsabili di Patti Territoriali, società miste pubblico-privato a prevalente capitale pubblico i cui principali azionisti sono Enti Locali, Regione Calabria attraverso Fincalabra, Camere di Commercio, Associazioni di Categoria, operanti da anni sul territorio, sono state formalmente riconosciute dalla Regione Calabria quali “Agenzie di Sviluppo Locale” con lo scopo di promuovere lo sviluppo sociale, economico ed occupazionale, di qualificare le competenze e le risorse umane e di accrescere la competitività e l’attrattività dei territori di riferimento valorizzando i sistemi produttivi locali, in piena sinergia con gli strumenti della programmazione regionale e con gli strumenti della pianificazione territoriale.

    Nel corso dell’incontro è stato evidenziato che il recente Decreto Legge n° 77 del 31 maggio 2021 riguardante la “Governance del Piano Nazionale di Rilancio e Resilienza e prime misure di rafforzamento delle strutture amministrative e di accelerazione e snellimento delle procedure” prevede, all’art. 9 comma 2, che le Amministrazioni Centrali, le Regioni e gli Enti Locali al fine di assicurare l’efficace e tempestiva attuazione degli interventi del PNRR possono avvalersi del supporto tecnico-operativo assicurato per il PNRR da società a prevalente partecipazione pubblica tra cui possono rientrare i Soggetti Responsabili dei Patti Territoriali.

    Inoltre sulla Gazzetta Ufficiale del 25 gennaio 2021 è stato pubblicato il decreto del 30 novembre 2020 del Ministero dello Sviluppo Economico avente ad oggetto: “Criteri per la ripartizione ed il trasferimento delle risorse residue dei patti territoriali da utilizzare per il finanziamento di progetti pilota volti allo sviluppo del tessuto imprenditoriale territoriale, anche mediante la sperimentazione di servizi innovativi a supporto delle imprese, nonché disciplina per la loro attuazione”. Trattasi di un provvedimento molto importante che permetterà, a seguito di specifico bando ministeriale in fase di emanazione da parte della Direzione Generale Incentivi alle Imprese del MISE, ai soggetti responsabili ancora operativi in Italia di poter attingere alle risorse residue legate ai Patti.

    Il Sottosegretario Danila Nesci ha preso atto ed espresso apprezzamento per il positivo lavoro di concertazione, promozione e animazione economica svolto in questi anni attraverso lo strumento dei Patti sul territorio calabrese in maniera coordinata da parte di tutti i soggetti protagonisti dello sviluppo locale a sostegno del mondo delle imprese e per gli interventi di infrastrutturazione promossi dagli Enti Locali.

    Ha inoltre evidenziato l’interesse a realizzare una proficua collaborazione istituzionale con i Soggetti Responsabili dei Patti Territoriali Calabresi sulle tematiche legate allo sviluppo locale ed alla coesione territoriale ed ha garantito il suo impegno a seguire l’iter di approvazione del nuovo Bando ministeriale finalizzato a poter utilizzare al più presto sui territori attraverso progetti pilota le risorse finanziarie rivenienti a livello nazionale dalle economie dei Patti.

    Più informazioni su