Quantcast

Il sottosegretario Nesci in tour per Contratti Istituzionali di Sviluppo: “Area catanzarese pensi in grande”

Lo ha detto, a margine della riunione sul CIS con i Comuni di Catanzaro, Lamezia Terme, Chiaravalle Centrale, Sellia Marina e Soverato

Più informazioni su

    Messi nel cassato e persi i progetti precedenti, nuova programmazione per i Cis, con quindi tutta la procedura da rifare rispetto a quanto già avviato nel 2019.

    Generico novembre 2021

    Contratti istituzionali di sviluppo, dal lametino 10 proposte da valutare da parte di Invitalia

    “Con il Contratto Istituzionale di Sviluppo la Calabria riceverà risorse importanti e beneficerà di procedure semplificate per l’attuazione dei progetti. Ora i Comuni devono lavorare alla presentazione delle loro proposte per rilanciare i territori e svelarne a tutti la bellezza. Con il CIS un’area come quella della provincia di Catanzaro può dispiegare in pieno le sue potenzialità e pensare in grande, rafforzando l’offerta turistica e culturale della fascia centrale della regione”. Lo ha detto, a margine della riunione sul CIS con i Comuni di Catanzaro, Lamezia Terme, Chiaravalle Centrale, Sellia Marina e Soverato, la Sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci.

    “Ringrazio il Prefetto di Catanzaro Cucinotta – aggiunge – per l’ospitalità e le sue parole di apprezzamento per questa iniziativa che come Ministero del Sud stiamo portando avanti. Il CIS è uno strumento pensato per velocizzare gli investimenti grazie alla cooperazione rafforzata tra istituzioni. Gli interventi si potranno concentrare sulla riqualificazione e la tutela ambientale, sul turismo enogastronomico e religioso, sulla cultura e la tutela delle minoranze etnolinguistiche e sulla mobilità sostenibile complementare a questi ambiti. L’area del catanzarese avrà la possibilità di rendere ancora più fruibile a tutti i versanti ionico e tirrenico, i borghi dell’area interna, i parchi, le aree verdi e i percorsi urbanizzati delle città più grandi. Grazie all’impegno di Enti e Istituzioni coinvolte – conclude Nesci – con il CIS possiamo dare un nuovo impulso alle politiche di sviluppo del nostro territorio”.

    “La Calabria è un territorio ricco di bellezze da svelare. Con il Contratto Istituzionale di Sviluppo mettiamo i Comuni nelle condizioni di investire sulle risorse ancora inespresse. L’area interna del Golfo di Squillace, con i borghi e i percorsi artistici, culturali e religiosi, è un esempio di quanto potenziale abbia la nostra regione per essere sempre più competitiva. Grazie al CIS possiamo valorizzare questa realtà e rilanciare il turismo esperienziale sul territorio”. Lo ha detto la Sottosegretaria per il Sud e la Coesione territoriale Dalila Nesci durante l’incontro sul CIS a Squillace. Presenti anche i sindaci di Amaroni, Borgia, Cenadi, Centrache, Chiaravalle Centrale, Girifalco, Montauro, Montepaone, Olivadi, Palermiti, San Floro, San Vito sullo Ionio, Stalettì e Vallefiorita.

    “Il Contratto di Sviluppo – ha aggiunto – risponde a una visione strategica del nostro territorio, che punta a favorire turismo, crescita e occupazione svelando la bellezza che i territori hanno da offrire. Squillace ha un patrimonio storico e culturale di enorme interesse ed è un centro di artigianato artistico con la produzione delle ceramiche. Anche gli altri Comuni dell’area, con i loro centri storici, le loro chiese e le tappe del Cammino Basiliano, ma anche i prodotti tipici e le attività artigianali, sono ricchi di risorse da valorizzare ed esperienze da promuovere. Con il CIS si potranno realizzare gli investimenti per rendere fruibili a tutti le bellezze dei nostri borghi. Continuerò a incontrare i sindaci della Calabria – ha concluso Nesci – per condividere con loro questo percorso di rilancio e sviluppo”. 

    Più informazioni su