Quantcast

L’eventualità di una maggioranza privata in Sacal agita i sindacati

Scettici Nino Costantino Segretario generale Filt-Cgil Calabria ed Enzo Scalese, segretario generale Cgil Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo.

Più informazioni su

Se la fase della ricapitalizzazione in Sacal ha visto i soci degli enti pubblici essere limitati nel proprio potere finanziario nel confermare le quote in proprio possesso, l’eventualità di una maggioranza privata agita i sindacati.

«Le potenzialità dell’Aeroporto internazionale di Lamezia Terme continuano ad essere depotenziate da una società di gestione con cui è sempre più difficile dialogare. Continuiamo a restare all’oscuro del contenuto del Piano industriale e soprattutto delle logiche relative alle scelte occupazionali dei dipendenti, soprattutto di quelli stagionali. Chiedevamo investimenti e attenzione, attraverso un rilancio progettuale che rafforzasse il coinvolgimento della parte pubblica in Sacal, ma anche degli altri scali calabresi, invece a distanza di 6 mesi ci troviamo quasi senza ritorno verso la scelta di svendere la società che gestisce l’aeroporto ai privati» affermano Nino Costantino Segretario generale Filt-Cgil Calabria ed Enzo Scalese, segretario generale Cgil Area Vasta Catanzaro-Crotone-Vibo.

«Speriamo di non vedere versate nei prossimi giorni lacrime di coccodrillo sull’ormai concreto rischio di privatizzazione della società di gestione del sistema aeroportuale calabrese – si legge ancora nella nota – è da 6 mesi che abbiamo denunciato il rischio della deriva della Sacal, nel silenzio più assoluto di tutti coloro che invece avrebbero dovuto parlare per tempo. Oggi è già tardi. Ma non si deve fare confusione: non si tratta di dare un giudizio sui soci privati come fa il sindaco di Lamezia. Al contrario si tratta, invece, di non giustificare decisioni dei soci pubblici sulla loro volontà di non ricapitalizzare e della Sacal di aver negato la possibilità ad altre amministrazioni pubbliche di rilevare quote inoptate. Ribadiamo infine quello che abbiamo già detto: il Presidente della giunta regionale e i sindaci di Catanzaro e Lamezia – concludono Costantino e Scalese – dicano chiaramente cosa pensano e cosa intendono fare per evitare che il sistema aeroportuale calabrese sia privatizzato, con tutte le ripercussioni che ne deriverebbero per i lavoratori».

Ma già a luglio Sergio Abramo aveva dichiarato come gli enti pubblici avessero impossibilità di ricapitalizzare in modo adeguato.

Più informazioni su