Quantcast

“Le amministrazioni comunali si facciano trovare pronte su dissesto idrogeologico, fognature e depurazione”

Sono 800 i milioni messi a disposizione dal governo per interventi contro il dissesto idrogeologico e 600 i milioni per investimenti relativi a fognature e depurazione

Più informazioni su

«Sono 800 i milioni messi a disposizione dal governo per interventi contro il dissesto idrogeologico e 600 i milioni per investimenti relativi a fognature e depurazione. Dopo il via libera in Conferenza Stato-Regioni a due tasselli fondamentali della Missione 2, componente 4, del PNRR, finalizzata alla tutela del territorio e della risorsa idrica, i comuni hanno la possibilità di aderire a due importanti linee di finanziamenti a partire da metà maggio. Le amministrazioni comunali si facciano trovare pronte». A dichiararlo è Mimmo Gianturco di Fratelli d’Italia.

«L’obiettivo degli 800 milioni oggetto di un Decreto su cui è stata sancita un’intesa in Conferenza Stato-Regioni – afferma Gianturco – è quello di mettere in sicurezza il territorio dal rischio frane, sempre più frequenti a causa delle alluvioni, e per ridurre e prevenire gli allagamenti. Gli investimenti riguarderanno interventi di ripristino di strutture e infrastrutture pubbliche danneggiate per la riduzione del rischio residuo».

«Un altro Decreto su cui in Conferenza Stato-Regioni si è registrato il parere favorevole delle Regioni – continua – definisce i criteri di riparto di 600 milioni che serviranno per ristrutturare la rete fognaria e le strutture di depurazione, in molti casi obsoleti o addirittura assenti, puntando sull’innovazione e cercando anche di consentire, dove possibile, la trasformazione degli impianti di depurazione in ‘fabbriche verdi’ per permettere il recupero di energia e fanghi e il riutilizzo delle acque reflue depurate per scopi irrigui o industriali. Investimenti necessari – conclude Gianturco – anche per far fronte alla sentenza della Corte europea di giustizia che ha condannato l’Italia per non aver rispettato una serie di obblighi imposti dalla direttiva Ue sulle acque reflue».

Più informazioni su