Quantcast

Mimmo Gianturco sollecita gli interventi di competenza Asp e Comune contro gli insetti

Il Comune di Lamezia Terme ha già impegnato a fine maggio per “servizi ambientali di disinfestazione, derattizzazione, lotta alla zanzara, monitoraggio, difesa fitosanitaria” 25.844 euro con servizio che dovrebbe essere quanto prima affidato direttamente a ditta specializzata.

Più informazioni su

«Siamo nel mese di giugno e le segnalazioni da parte di cittadini sono sempre più numerose, come il numero di blatte che iniziano a girare per strada, vicino ai pubblici esercizi e nelle case dei lametini. Ciò che manca all’orizzonte, nonostante il caldo di queste settimane e l’estate alle porte, è il servizio di deblattizzazione». A dichiararlo è Mimmo Gianturco, consigliere comunale di Fratelli d’Italia, lamentando che l’amministrazione non abbia agito per tempo insieme all’Asp di Catanzaro nell’effettuare gli interventi.

Il Comune di Lamezia Terme ha già impegnato a fine maggio per “servizi ambientali di disinfestazione, derattizzazione, lotta alla zanzara, monitoraggio, difesa fitosanitaria” 25.844 euro con servizio che dovrebbe essere quanto prima affidato direttamente a ditta specializzata.

«È necessario intervenire nei pozzetti di ispezione fognaria presenti lungo la rete viaria – evidenzia il consigliere comunale – e, per i singoli cittadini, informarli e sensibilizzarli affinché provvedano a delle piccole accortezze: disinfestare le aree private, mantenere i locali puliti e ordinati, non tenere i rifiuti in recipienti aperti, non lasciare cibo o residui di cibi in contenitori aperti, non accumulare scorte alimentari nelle cantine e nei ripostigli, effettuare un’accurata sigillatura ermetica attorno al passaggio delle canalizzazioni di tubi del gas, dell’acqua, degli scarichi e dell’impianto elettrico, stuccare eventuali crepe e fessure di pavimenti e pareti, fare attenzione a sacchi, sacchetti o cartoni di alimenti o verdura che si portano a casa e che possono essere stati conservati in magazzini infestati, accertarsi che tutti gli scarichi della propria abitazione siano dotati di sifone».

«Indubbiamente – conclude Gianturco – ogni cittadino è chiamato a fare la propria parte, ma chi amministra la città è chiamato a dare l’esempio al fine di salvaguardare la salute, l’igiene ed il benessere dei cittadini».

Più informazioni su