Quantcast

Medici di base pronti ad autovaccinarsi se messi in condizione, chiesto tavolo tecnico all’Asp di Catanzaro

I vaccini attualmente in uso, una volta portati a temperature comprese tra 2 e 8 gradi centigradi mantengono stabilità ed efficacia fino a 5 giorni

Più informazioni su

Se attualmente le dosi di vaccino giunte in Calabria in questa prima fase dovrebbero coprire preliminarmente gli operatori sanitari negli ospedali, con subito dopo personale ed ospiti delle residenze sanitarie, trova dissenso lo scetticismo espresso via radio dal Commissario ad Acta della Sanità in Calabria, Guido Longo, il quale lamentava una bassa adesione da parte del personale sanitario per una campagna partita però solo da pochi giorni.

Gennaro De Nardo, segretario generale della Fimmg Catanzaro, il sindacato maggiormente rappresentativo dei medici di medicina generale, reputa che «i risultati negativi sono invece ascrivibili alle difficoltà riscontrate dalle strutture aziendali proposte», annunciando che «i medici di medicina generale si sarebbero vaccinati spontaneamente già da tempo in quanto ritenevano doveroso assurgere quale modello di riferimento per i propri assistiti in termini di adesione alla vaccinazione. Siamo disponibili ad auto-vaccinarci se ci dessero l’opportunità di farlo e a contribuire, inoltre, allo svolgimento della campagna di vaccinazione, sopperendo alle negligenze di una macchina organizzativa che ancora il neo Commissario stenta a far decollare. Tale proposta è realizzabile se si considera che i vaccini attualmente in uso, una volta portati a temperature comprese tra 2 e 8 gradi centigradi mantengono stabilità ed efficacia fino a 5 giorni».

Guardando anche alla fase successiva la Fimmg rivolgendosi alla triade Commissariale dell’Asp di Catanzaro richiede «l’istituzione in tempi brevi di una cabina di regia per l’organizzazione efficiente della vaccinazione. Una cabina di regia coordinata dalla direzione sanitaria, e composta dalle seguenti figure professionali: un medico di sanità pubblica, un medico di medicina generale, un farmacista aziendale, un medico competente aziendale, un referente dell’ordine provinciale dei medici e infine un referente della protezione civile»

Più informazioni su