Quantcast

Protesta dei medici del 118 dell’Asp di Catanzaro, il 9 marzo udienza in Tribunale a Lamezia Terme

I medici del 118 nei mesi scorsi hanno presentato ricorso ai tribunali di Catanzaro e Lamezia Terme

Più informazioni su

La mancata erogazione, da circa 2 anni, di una indennità prevista da un accordo regionale e la richiesta di rimborso della stessa indennità percepita negli ultimi 10 anni è all’origine di una protesta dei medici del 118 dell’Azienda sanitaria provinciale di Catanzaro che stamani sono scesi in piazza per manifestare davanti la Prefettura.

“La decisione dell’Asp – hanno spiegato alcuni medici – è giunta dopo una interpretazione particolare dell’accordo senza alcuna concertazione. Ogni nostra richiesta è risultata vana, non abbiamo mai avuto risposta. Dopo la sospensione del pagamento dell’indennità da dicembre 2019, da luglio dello scorso anno l’Azienda ha iniziato a trattenere circa 600 euro mensili come rimborso. Alcuni di noi, secondo i calcoli dell’Asp dovrebbero restituire oltre 100.000 euro. E tutto ciò accade solo a Catanzaro, mentre nelle altre Asp calabresi l’indennità viene regolarmente corrisposta, tranne che a Crotone dove, però, non è stato chiesto il rimborso. Il tutto nel momento in cui siamo impegnati nell’emergenza Covid”.

Tra mancato pagamento e trattenuta sullo stipendio, i medici del 118 hanno subito un taglio di oltre 1000 euro mensili. Circostanza che ha provocato una fuga di massa. “Attualmente – hanno spiegato – siamo una cinquantina ma fino a due anni fa eravamo più di 80. Per supplire alle carenze l’Asp è ricorsa ad assunzioni a contratto a 50 euro l’ora, col paradosso che i subentranti guadagnano molto più di noi”.

I medici del 118 nei mesi scorsi hanno presentato ricorso ai tribunali di Catanzaro e Lamezia Terme e la prima udienza è in programma, a Lamezia, il 9 marzo prossimo. Oggi la protesta davanti alla Prefettura dove una delegazione incontrerà il capo Gabinetto per esporre le proprie ragioni.

Più informazioni su