Quantcast

Accreditati anche 7 laboratori privati per effettuare tamponi rino-faringeo per la ricerca di Rna del Sars-Cov2

Obbligo di comunicare gli esiti dei test positivi e, quotidianamente, il numero e gli esiti di tutti i test eseguiti

Più informazioni su

Il presidente della Regione Calabria, Nino Spirlì, ha firmato in serata l’ordinanza numero 15 riguardo i laboratori privati, che sono ora abilitati all’esecuzione del test molecolare su tampone rino-faringeo per la ricerca di Rna del Sars-Cov2.

«La situazione complessiva, nei vari ambiti provinciali – è scritto nell’ordinanza –, sta determinando, in periodi particolari, un sovraccarico delle attività dei laboratori pubblici ad oggi operanti». Inoltre, «la capacità di testing deve essere rafforzata su tutto il territorio regionale, anche alla luce della necessità di individuazione delle varianti del virus, che può determinare un ulteriore carico di lavoro per taluni laboratori pubblici regionali designati al sequenziamento, già impegnati nell’ordinaria esecuzione dei test, nonché in relazione alle attività di verifica dell’adeguatezza e della congruità dal punto di vista quantitativo, correlate al livello di circolazione del virus».

«Devono essere tenute in considerazione, inoltre – è scritto ancora –, le svariate condizioni di necessità da parte di privati cittadini – per «esigenze individuali» connesse a viaggi all’estero, motivi lavorativi, ovvero per altri bisogni non connessi alle procedure fissate a carico del Ssr – di effettuare il prelievo del campione per il test molecolare, nonché da parte di datori di lavoro o di strutture sanitarie private che, nell’ambito delle proprie procedure, vogliano implementare screening di verifica sul personale avvalendosi del predetto test».

«I laboratori abilitati all’esecuzione dei test – viene specificato – sono: Bios Diagnostic Laboratories – Crotone; Ippocrate – Catanzaro; Nusdeo – Vibo Valentia; Istituto Clinico De Blasi – Reggio Calabria; Laboratori Riuniti della Piana – Centro Diagnostico Gamma – Gioia Tauro via Piria 25, 89013 Gioia Tauro; Antico Laboratori di Antico Alfredo – Siderno; Multimed Network – Vibo Valentia».

Ogni laboratorio dovrà:

  • garantire il rispetto delle procedure fissate, sia in termini di prelievo, che di esecuzione, nonché della gestione dei corretti percorsi di accesso alla prestazione;
  • identificare un responsabile, per la comunicazione, senza ritardo e secondo le modalità specificamente indicate dal Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente, del prelievo eseguito e del suo esito;
  • comunicare immediatamente al Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale territorialmente competente e al Medico di Medicina Generale/Pediatra di Libera scelta prescrittore, gli esiti dei test positivi e, quotidianamente, il numero e gli esiti di tutti i test eseguiti;
  • garantire l’acquisizione del consenso informato da parte dei soggetti cui viene effettuata la prestazione, per l’utilizzo dei dati personali ai fini di sanità pubblica, preliminarmente all’esecuzione del test;
  • informare l’utenza circa le procedure da adottarsi in caso di esito positivo del test, in conformità a quanto concordato con il Dipartimento di Prevenzione dell’Azienda Sanitaria Provinciale e delle disposizioni nazionali e regionali vigenti

L’importo, come da nomenclatore vigente nazionale della prestazione, è per il 91.12.1 Virus Acidi Nucleici in Materiali Biologici Ibridazione Nas (Previa Retrotrascrizione-Reazione polimerasica a catena) pari a 69,88 euro, e della prestazione 91.49.3 Prelievo Microbiologico pari a 2,58 euro, ma ai suddetti valori si applica un abbattimento del 15%, e pertanto la tariffa viene fissata in 61,59 euro. La tariffa suddetta si applica anche per i laboratori pubblici già presenti nell’elenco regionale, per prestazioni effettuate su richiesta di privati.

Si prevede la riduzione del 20% della suddetta tariffa, in considerazione del carattere aspecifico della prestazione di riferimento, in relazione alle eventuali acquisizioni di volumi di prestazioni da effettuarsi per il Servizio Sanitario Regionale. Si stabilisce la possibilità – per i laboratori pubblici e privati – di stipulare eventuali convenzioni, debitamente motivate, con datori di lavoro o strutture sanitarie, che prevedano un abbattimento tariffario in funzione dei volumi di prestazioni richieste.

Più informazioni su