Quantcast

Vigor Lamezia e Sersale in campo con l’Aism per sensibilizzare l’attività di ricerca

Sono state 200.000 le piante di gardenia per sostenere la lotta contro la sclerosi multipla distribuite dal 28 al 30 maggio nelle piazze italiane

Più informazioni su

Sono state 200.000 le piante di gardenia per sostenere la lotta contro la sclerosi multipla distribuite dal 28 al 30 maggio nelle piazze italiane da 13.000 volontari, protagonisti della ormai storica iniziativa “Bentornata Gardensia”.

La manifestazione è promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (Aism) per sostenere la ricerca, l’unica arma per sconfiggere questa malattia, e di cui si celebra il 30 maggio la giornata mondiale.

Cronica, imprevedibile e invalidante, la sclerosi multipla è una delle più gravi malattie del sistema nervoso centrale e colpisce in Italia circa 130.000 persone. Il 50% di loro non ha ancora 40 anni e le donne sono due volte più degli uomini. Ogni anno si registrano in Italia, 3.400 nuovi casi ogni anno: 1 ogni 3 ore. La causa e la cura risolutiva non sono ancora state trovate ma grazie ai progressi compiuti dalla ricerca scientifica, esistono terapie e trattamenti in grado di rallentare il decorso della sclerosi multipla e di migliorare la qualità di vita.

I fondi raccolti con l’iniziativa permetteranno di garantire le risposte di cura, di assistenza e di supporto per le persone con sclerosi multipla e sosterranno la ricerca scientifica della Fondazione Italiana Sclerosa Multipla (Fism).

«Dopo un anno difficile siamo ritornati a colorare l’Italia con la gardenia che rappresenta la volontà di non arrenderci e di condividere il nostro impegno per fermare la sclerosi multipla», dichiara Francesco Vacca, presidente nazionale di Aism.

La manifestazione “Bentornata Gardensia” si svolge sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, rientra negli eventi della Settimana Nazionale della Sclerosi Multipla dal 30 maggio al 6 giugno. Per donare è disponibile anche il numero solidale 45512.

Centinaia sono state le partecipazioni in tutta la provincia di Catanzaro, grazie alla sezione di AISM Catanzaro, coadiuvata da tantissime Associazioni e Proloco locali, ma anche da molte amministrazioni comunali. Soddisfatta la Presidente di Sezione, Angela Gaetano: «Mi sento di ringraziare tutti i volontari e tutti coloro che anche in questa edizione hanno voluto essere vicino all’iniziativa – ha commentato Gaetano – un grazie ai collaboratori, alle istituzioni, a tutte le associazioni, all’Unpli e all’Associazione Nazionale della Polizia di Stato».

Numerose le cittadine che hanno deciso di tingere di arancione – colore simbolo della sclerosi multipla – strade, monumenti e piazze: da Lamezia Terme a Catanzaro, fino ad arrivare ad Albi, Soverato e Settingiano, per poi passare anche dallo sport con due importanti società calcistiche: la “Vigor Lamezia” è scesa in piazza al fianco dei volontari e il “Sersale” vestirà il logo di Aism in occasione dei prossimi playoff di Eccellenza

Più informazioni su