Quantcast

Una “Solidarietà e Coesione Sociale” in Calabria richiesta da soggetti privati sociali

Mercoledì alle 11 nella Sala Sintonia incontro contro l'autonomia differenziata regionale in ambito sanitario.

Più informazioni su

Mercoledì alle 11 nella Sala Sintonia incontro contro l’autonomia differenziata regionale in ambito sanitario.

Interverranno:

  • Giacomo Panizza: Presidente Comunità Progetto Sud
  • Rubens Curia: Portavoce comunità Competente
  • Antonia Romano: Presidente Comitato Salute pubblica Esaro-Pollino
  • Stefania Fratto: Presidente Associazione Donne e diritti

«Riscoprire, come fa adesso il Governo, gli «Accordi preliminari» firmati il 28 febbraio 2018 con le Regioni Emilia Romagna, Lombardia e Veneto reinserendo nella nota di accompagnamento al DEF 2021 il disegno di legge sulla “Autonomia Differenziata Regionale” è un grave errore perché si accentuerebbe ulteriormente l’egoismo territoriale tra Regioni ricche e Regioni povere rischiando di impedire lo sviluppo dei diritti essenziali nei territori del Sud e di rompere definitivamente il senso di comunità e di unità nazionale, come, giustamente, ha denunciato anche l’Anaao-Assomed in un recente documento», sostengono gli organizzatori, chiedendo invece una “Solidarietà e Coesione Sociale” in Calabria, poiché «deve poter disporre dei livelli essenziali di salute come qualsiasi regione italiana, e non più un Servizio Sanitario economicamente debole a differenza di altre Regioni forti a cui sarebbe consentita l’autonomia riguardo alle politiche di gestione del personale, delle attività libero professionali, del sistema tariffario, dell’accesso alle scuole di specializzazione, della governance delle Aziende Sanitarie e altro ancora».

Si inviano così solleciti così «alla popolazione, alla delegazione parlamentare calabrese, al Presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto, ai nostri Consiglieri Regionali, alle Conferenze dei Sindaci, ai Sindacati e ai molti Attori Sociali di opporsi a questo disegno che, se attuato, darebbe un colpo mortale al Servizio Sanitario Nazionale Pubblico».

Più informazioni su