Quantcast

Ipotizzati supporti annuali domiciliari per 155 over 65 non autosufficienti residenti nel distretto sanitario lametino

Copertura finanziaria subordinata all'approvazione da parte del Ministero dell'Interno- Autorità di Gestione PAC della programmazione predisposta dall'Ambito di Lamezia Terme in merito alle azioni di rafforzamento territoriale.

Più informazioni su

    Online l’avviso pubblico in favore di persone sopra i 65 anni non autosufficienti residenti in uno dei Comuni del Distretto socio-assistenziale del Lametino (Cortale, Curinga, Falerna, Feroleto Antico, Gizzeria, Jacurso, Lamezia Terme – Comune Capofila-, Maida, Nocera Terinese, Pianopoli, Platania e San Pietro a Maida) finalizzato all’erogazione di servizi assistenza domiciliare socio-assistenziale, la cui validità è però subordinata all’approvazione da parte del Ministero dell’Interno- Autorità di Gestione PAC della programmazione predisposta dall’Ambito di Lamezia Terme in merito alle azioni di rafforzamento territoriale.

    Tra gli obiettivi preposti:

    • contrastare il fenomeno del ricorso improprio all’ospedalizzazione;
    • consentire la permanenza della persona non autosufficiente nel proprio ambiente abituale di vita, preservando le relazioni affettive e sociali;
    • promuovere percorsi di deistituzionalizzazione di soggetti dimessi dalle strutture di ricovero;
    • sostenere le famiglie nella gestione del carico assistenziale;
    • migliorare qualitativamente e quantitativamente la continuità assistenziale;
    • mantenere e recuperare, per quanto possibile, le capacità fisiche, cognitive, relazionali e dell’autonomia personale del soggetto non autosufficiente;
    • favorire la socializzazione e l’empowerment degli utenti.

    Il servizio di Assistenza Domiciliare Anziani si espleta tramite la concessione di buoni servizio (voucher) nominativi e non trasferibili, consegnati direttamente dal Servizio Sociale Professionale dell’Ente agli utenti in numero corrispondente al fabbisogno rilevato nei singoli piani individualizzati (PAI) dall’Unità di Valutazione Multidimensionale (UVM) attiva nel Distretto. e spendibili presso uno degli organismi accreditati.

    Sono previste le seguenti prestazioni socio-assistenziali: aiuto per l’igiene e cura della persona per favorire l’autosufficienza nelle attività giornaliere, quali alzarsi dal letto, curare l’igiene personale, vestirsi, deambulare correttamente, preparare e assumere i pasti, lavare la biancheria, etc.; aiuto per il governo e l’igiene dell’alloggio giornalieri e periodici, quali il riordino del letto e della stanza, la pulizia ed igiene dell’ambiente e dei servizi, le piccole riparazioni domestiche; promozione della partecipazione alle attività sociali, ricreative, culturali e sportive organizzate entro il territorio dell’ambito e nei centri di aggregazione e di assistenza; cura dei rapporti con i familiari e la comunità; supporto per il disbrigo delle pratiche amministrative e la risoluzione di eventuali problemi di rilevanza familiare e/o sociale.

    Nell’ambito delle risorse economiche assegnate, ma non ancora in disponibilità dell’Ente poiché sottoposte a valutazione circa l’ammissibilità a finanziamento, si prevede l’erogazione del servizio a circa 155 utenti per un arco temporale annuale.

    Le richieste pervenute entro il termine dei 20 giorni, se eccedenti il numero di utenti assistibili, verranno inserite in una graduatoria di accesso stilate in base alle condizioni individuali ed economiche.

    Più informazioni su