Quantcast

Informatica, comunicazione e marketing e spagnolo dal prossimo anno per il Liceo delle Scienze Umane

Il liceo statale "Campanella" di Lamezia Terme, guidato dalla Dirigente Susanna Mustari, ha convocato in via straordinaria il collegio dei docenti

Più informazioni su

Le scuole superiori non dovrebbero tornare fisicamente in aula se non prima di fine mese, data l’ultima ordinanza regionale, ed il liceo statale “Campanella” di Lamezia Terme, guidato dalla Dirigente Susanna Mustari, ha convocato in via straordinaria il collegio dei docenti, ritenendo di dover informare tutto il personale docente e gli organi collegiali sull’iter organizzativo particolarmente tortuoso che la scuola, nelle ultime settimane, ha affrontato.

La dirigente ha esposto le fasi di lavoro che si sono susseguite in lassi temporali brevissimi, in cui tutto lo staff dirigenziale ha saputo costruire soluzioni efficaci ed articolate, studiando diverse ipotesi di afflusso e deflusso, con relativi orari scaglionati secondo le direttive ministeriali e prefettizie, ma contestualmente rispettosi in toto dei percorsi curricolari afferenti i diversi indirizzi liceali.

Il liceo ha approvato per il prossimo anno scolastico 2021/22 un ulteriore ampliamento dell’offerta formativa per alcune sezioni del Liceo delle Scienze Umane che, in risposta ai bisogni e alle attese espresse dall’utenza, offriranno nel percorso di studi alcune discipline aggiuntive quali informatica, comunicazione e marketing e lingua spagnola come seconda lingua straniera.

«A questo punto non resta che auspicare un tempestivo rientro in classe per tutti gli allievi, unitamente a misure risolutive in fatto di potenziamento dei trasporti urbani ed extraurbani e di avvio screening per il contenimento del contagio pandemico», conclude la nota del liceo, «solo con soluzioni concrete sul territorio si consentirà alla scuola di programmare le proprie attività, anche a medio e lungo termine, nella piena consapevolezza che la scuola non appartiene solo a chi la frequenta, ma è un bene comune del territorio, da custodire e far crescere nel tempo».

Più informazioni su