Quantcast

Uno striscione ieri sulle facciate di alcune scuole di Catanzaro e provincia per ricordare Tramonte e Cristiano

L’esposizione dello striscione, con un unico testo, realizzato dagli alunni delle scuole, vuole rappresentare un omaggio alle vittime

Più informazioni su

    Ieri 24 maggio le scuole di Catanzaro e provincia si sono strette attorno alle famiglie di Tramonte e Cristiano a 30 anni dalla loro efferata uccisione per mano della ’ndrangheta.

    Gli alunni delle scuole di Catanzaro (Liceo Scientifico “Siciliani”, Liceo Classico “Galluppi, Liceo Linguistico-Liceo delle Scienze Umane-Liceo Artistico “G. De Nobili) e della provincia (I.C. “Corrado Alvaro di Petronà, Liceo Scientifico-Istituto Professionale Agrario- Istituto Professionale Alberghiero, Istituto Professionale Commerciale “Rita Levi Montalcini” di Sersale) aderendo all’invito del Coordinamento Libera Catanzaro “Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano” – Presidio territoriale di “Libera.

    Associazioni, nomi e numeri contro le mafie APS e nell’ambito del percorso di educazione civica intrapreso già da alcuni anni per la giornata della memoria e dell’impegno promossa ogni anno dall’associazione Libera dedicata alle vittime innocenti di Mafia, ieri sulle facciate dei loro istituti hanno affisso uno striscione dedicato a Francesco Tramonte e Pasquale Cristiano su cui si leggeva “La Mafia uccide, il silenzio pure…” Anche noi con Libera non dimentichiamo Tramonte e Cristiano. 24/05/1991-24/05/2021”.

    L’esposizione dello striscione, con un unico testo, realizzato dagli alunni delle scuole, vuole rappresentare un omaggio alle vittime e un comune abbraccio ai familiari che, pur nel dolore e ancora in attesa di giustizia, con le loro testimonianze nelle scuole contribuiscono a spingere i giovani verso forme di cittadinanza attiva, offrendo esempi di forza e determinazione per un cambiamento radicale nella nostra amata Calabria.

    Più informazioni su