Quantcast

Per “A scuola di inclusione” la Regione mette a disposizione 25 milioni a favore dei ragazzi con bisogni educativi specifici

La scadenza dell’avviso, pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale, è prevista per il prossimo 24 luglio. 

Più informazioni su

Si chiama “A scuola di inclusione” il progetto che prevede risorse fino a 25 milioni di euro che gli istituti scolastici potranno spendere a favore, soprattutto, dei ragazzi con bisogni educativi specifici.

Ne dà notizia l’assessorato all’Istruzione, guidato da Sandra Savaglio.

«Si ringrazia Elio, artista attento e impegnato nel sensibilizzare l’opinione pubblica al tema dell’autismo che ha condiviso, in un videomessaggio – spiega l’assessorato –, un appello affinché il maggior numero di scuole possa partecipare e, ragazzi, genitori e docenti, usufruire dei servizi proposti».

I TRE PERCORSI

Sono tre le direzioni in cui si sviluppa la proposta:

  1. «Percorsi di sostegno didattico per superare e rimuovere gli ostacoli di apprendimento e di partecipazione riferibili al bisogno educativo speciale, attraverso la realizzazione di laboratori sui temi dell’arte, teatro, musica, sport, lingue straniere, cultura ambientale, enogastronomia, cittadinanza attiva»;
  2. «percorsi di ascolto e supporto psicologico per contrastare la dispersione scolastica, per migliorare l’inclusione e la riduzione dello svantaggio degli studenti attraverso attività di counselling psicologico, educativo e familiare;
  3. azioni volte a potenziare la motivazione allo studio, l’autostima e l’intelligenza emotiva. In particolare, saranno possibili interventi psicologici anche all’interno delle famiglie»;

infine, «la formazione dei docenti per migliorare le conoscenze e competenze nell’approccio agli alunni e studenti illustrando strategie, indicazioni operative, programmazione educativo-didattica, parametri di valutazione dell’apprendimento ed eventuali correttivi da implementare in funzione dei bisogni degli allievi coinvolti».

«Un investimento immateriale mai visto per la scuola calabrese, ma che – aggiunge l’assessorato – stenta a trovare paragoni anche nel resto d’Italia. Risorse di tale portata sono state previste, in passato, per infrastrutture o trasporti scolastici, ma mai per azioni di questo tipo». L’assessorato all’istruzione della Regione Calabria, guidato da Sandra Savaglio, «ha voluto dedicare energie e risorse ai più fragili e alle nuove fragilità post-covid che hanno investito i bambini/e e ragazzi/e senza una normalità scolastica. Non solo disabilità certificate, dunque, ma anche altro».

«CONTRASTO A DISPERSIONE»

«È la risposta – dichiara Savaglio – alle tante voci ascoltate durante questo lungo e tortuoso anno scolastico. In Calabria, il Covid ha evidenziato criticità del sistema scolastico che già conoscevamo ma che, in una situazione di emergenza pandemica, è diventata ancora più grave. Tra le tante questioni da affrontare, dai trasporti ai tracciamenti veloci, noi abbiamo scelto di provare ad alleviare le difficoltà psicologiche degli studenti e contrastare il triste fenomeno della dispersione scolastica».

La scadenza dell’avviso, pubblicato oggi sul Bollettino ufficiale, è prevista per il prossimo 24 luglio.

Più informazioni su