Quantcast

È stato indetto il Concorso “Poesia è vita”, ideato da Franca Maria Mete

Dedicato ed indirizzato alle classi delle scuole primarie degli Istituti Comprensivi di Lamezia Terme

Più informazioni su

È stato indetto il Concorso “Poesia è vita”, ideato da Franca Maria Mete, autrice di “Sublimi Dintorni” (Editrice “Grafichè – Collana Calliope), dedicato ed indirizzato alle classi delle scuole primarie degli Istituti Comprensivi di Lamezia Terme.

Un concorso che diventa occasione per avvicinare gli studenti lametini alla dimensione poetica della lingua italiana, alla sua capacità di essere strumento di comunicazione emozionale, culturale, sociale.

«Siamo sempre di corsa, ostaggio del tempo e non riusciamo a guardare ciò che si nasconde oltre le lancette di un orologio – dichiara l’ideatrice – e questa iniziativa, si pone proprio come momento per smuovere l’apatia a cui ci sottopone spesso e paradossalmente, la frenesia. La mia idea è quella di provare a dialogare con le nuove generazioni, stimolandone la viva creatività e costruire insieme, attraverso un metro poetico e la forza prorompente della lingua italiana, culla di espressionismo sentimentale, un percorso di confronto comunitario. Un bando che nasce non come mera iniziativa, ma come una più intima scommessa mirata a far emergere la scrittura creativa dal mondo dell’ingenuità adolescenziale, argilla da plasmare con la curiosità intellettuale e la ricerca introspettiva, educandone il senso civico e formare così, una coscienza ineludibile sia dall’ etica che dall’estetica. Mi auguro che ogni studente, attraverso sollecitazioni linguistiche e culturali, potrà iniziare una sua ricerca introspettiva».

La partecipazione al concorso è gratuita. Potranno partecipare tutti gli alunni delle scuole primarie, componendo poesie a tema libero. Gli insegnanti selezioneranno una sola poesia tra quelle della propria classe. Le poesie selezionate nelle classi di ogni istituto passeranno una seconda selezione di 5 poesie a cura degli insegnanti dell’Istituto che hanno aderito al bando di concorso. I dirigenti comunicheranno ai docenti le modalità di svolgimento del concorso.

«Vi sarà un premio – conclude Franca Maria Mete – non un vincitore se non la capacità di ogni singolo alunno, di aver dipinto la realtà attraverso la poesia perché, ci ricorda Leonardo Da Vinci, la pittura è una poesia muta, e la poesia è una pittura cieca».

Più informazioni su