Quantcast

Il Liceo “Tommaso Campanella” e il Comune di Lamezia Terme nella rete del Movimento ”Italia Gentile”

Stamattina presso l’Auditorium del Liceo “Tommaso Campanella” si è svolta la Proclamazione di Scuola e Comune “gentile”

Più informazioni su

Stamattina presso l’Auditorium del Liceo “Tommaso Campanella” si è svolta la Proclamazione di Scuola e Comune “gentile” con il sindaco di Lamezia Terme, Paolo Mascaro, l’assessore alla cultura, Giorgia Gargano, oltre al Presidente del Movimento, Daniel Lumera, e la counselor Valeria Pompili. A moderare i lavori la giornalista Maria Chiara Caruso.

Ad accogliere gli ospiti l’orchestra e il coro del Liceo Musicale diretti da Daniele Augruso e Giovanna Massara sulle note di Heal The World di Michael Jackson

Nel suo intervento, la Dirigente Scolastica Susanna Mustari afferma che «il Liceo Campanella celebra con grande gioia questo momento che è la sintesi di un percorso, “Contagiati dalla Gentilezza”, e nello stesso tempo di tanti percorsi che investono le molteplici vocazioni della scuola. Parlare di “gentilezza” significa affrontare con “l’arma” della cultura le tante sfide che il mondo contemporaneo comporta. Essa rappresenta il primo mattone sul quale costruire la casa della “convivenza”, della partecipazione, dell’accoglienza, della convivialità; ambienti positivi le cui regole ruotano intorno al cardine del rispetto. La “gentilezza” -aggiunge la Dirigente – è il motore di ogni relazione; è chiarezza e attenzione; è dono e reciprocità. In una società estremamente individualista, egocentrica e poco avvezza ai principi basilari del vivere comune, la gentilezza e il garbo, se realmente autentici, generano dinamiche empatiche ed emotive».

Anche la referente del progetto, Silvana Sesto, ha inteso sottolineare la valenza formativa del progetto che ha coinvolto numerosi studenti, ripercorrendo le tappe più importanti e sottolineando la particolare attenzione dimostrata da tutti i docenti: «il lavoro ha seguito le tracce del libro di Daniel Lumera e Immaculata De Vivo, Biologia della gentilezza, è stato cadenzato in diverse fasi che ha visto anche il coinvolgimento delle famiglie. Tutto ciò, rimarcando la necessità che gli adulti siano per i giovani riferimento ed esempio, testimoni di valori positivi e propedeutici per la costruzione di un futuro migliore».

Le testimonianze dei ragazzi hanno confermato come la scuola da sempre, in modo trasversale, porti avanti messaggi di responsabilità civica e solidarietà: Mario Butera, Giuseppe D’Andrea, Valeria Lo Casto hanno richiamato, trasmettendo le esperienze maturate in seno alla scuola, all’importanza di accostarsi al mondo del volontariato, il volto sociale di un’umanità costantemente al servizio dell’altro, al servizio del prossimo.

Gli interventi del Sindaco, Paolo Mascaro, e dell’Assessore alla Cultura, Giorgia Gargano, hanno espresso «una scuola che promuove la persona curando il volto della sensibilità è una scuola che propone una progettualità per il futuro dalle chiare connotazioni etiche e partecipative». Giorgia Gargano ha voluto riflettere sul titolo del progetto amplificando il significato del termine “contagiati” e sottolineando quanto «la nostra società, il nostro territorio abbia bisogno di un “contagio di idee” positive».

Dai due ospiti, Daniel lumera, Presidente nazionale del movimento “Italia Gentile”, e Valeria Pompili, i 5 valori: «gentilezza, ottimismo, perdono, gratitudine e felicità sono alla base del benessere mentale, personale e collettivo; sono i pilastri di una convivenza sana; i moltiplicatori sociali del benessere; le basi essenziali per costruire un mondo che abbia a cuore la “persona”, che abbatta gli antagonismi e l’individualismo, che sia soprattutto costruttore di pace. Coltivare la gentilezza nel nostro sentire, nella nostra interiorità; essere gentili verso se stessi per riconoscere la propria unicità, spingerci verso la realizzazione, verso la propria vocazione. Dare voce al miracolo della vita; vincere le nostre presunte incapacità e avere il coraggio di essere noi stessi».

La mattinata condotta da Maria Chiara Caruso è culminata con la firma del Manifesto della Scuola Gentile e del Comune Gentile. Il Liceo “Tommaso Campanella” e il Comune di Lamezia Terme, prima scuola e primo comune in Calabria, da oggi, ufficialmente fanno parte del Movimento “Italia Gentile”.

A siglare la fine della mattinata il corpo di ballo del Liceo Coreutico diretto da Stefania Greco.

Più informazioni su