Quantcast

“Journey to the Land of Colors” per l’IC “Perri-Pitagora”

Attraverso la manipolazione di farina, pasta sale, carta velina, schiuma, brillantini, tempera, pastelli a cera i bambini hanno interiorizzato i colori

Più informazioni su

Continua la partecipazione dell’Istituto Comprensivo “Perri-Pitagora” di Lamezia Terme sulla piattaforma eTwinning, la community delle Scuole in Europa. Questa volta le Scuole dell’Infanzia “Tommaso Fusco” e “Piccolo Principe” hanno aderito al Progetto eTwinning “Journey to the Land of Colors” – fondato da Derya Acar e Gülsah Öztürk – collaborando con le altre scuole partner di Romania e Turchia.

Un’opportunità di collaborazione, condivisione di buone pratiche, crescita personale e professionale; eTwinning (co-finanziato da Erasmus+, il Programma europeo per l’Istruzione, la Formazione, la Gioventù e lo Sport) offre una piattaforma per lo staff delle scuole dei paesi partecipanti per comunicare, collaborare, sviluppare progetti e condividere idee.

Il progetto “Journey to the Land of Colors” è nato dal desiderio di accompagnare i bambini e le bambine alla scoperta dei colori lasciandoli liberi di sperimentare, di pasticciare, di mettersi alla prova, di fare esperienza. Si sono accostati al mondo dei colori attraverso una gamma di esperienze visive e tattili che hanno coinvolto anche la sfera emotiva: fare per il piacere di fare.

Attraverso la manipolazione di una moltitudine di materiali (farina, pasta sale, carta velina, schiuma, brillantini, tempera, pastelli a cera) i bambini hanno interiorizzato i colori primari e quelli secondari scoprendo e utilizzando modalità personali e creative.

Sono stati così facilitati i processi di scoperta, ricerca e conoscenza che hanno permesso di “Imparare ad Imparare”.

«Il nostro progetto – spiegano le docenti coinvolte – è stato realizzato tra i mesi di novembre e aprile. Le attività sui colori hanno garantito un approccio multidisciplinare attraverso l’arte, la scienza, la matematica, il teatro, la storia e la musica, giochi motori e l’utilizzo consapevole delle Tecnologie dell’informazione e della comunicazione».

 

Più informazioni su