Quantcast

Ultima gara del 2019 da dentro o fuori domani per l’Ecosistem Lameziasoccer in Coppa Italia

Il Cosenza parte da un +6 nella differenza reti, ecco perché sarà difficile centrare vittoria e qualificazione al turno successivo. Per farlo, l’Ecosistem dovrebbe vincere con 4 reti di differenza

Più informazioni su


    Non è ancora tempo di vacanze per la formazione orange dell’Ecosistem Lameziasoccer che ha ancora un impegno da assolvere prima di Natale. La prima fase del campionato si è chiusa sabato scorso, con un buon bottino, e si riprenderà a giocare il 18 gennaio ma, prima dello sciogliete le righe per le vacanze di Natale domani c’è da assolvere la partecipazione alla Coppa Italia. 
    La formazione di Bebo Carrozza è stata inserita in un girone che comprende oltre ai lametini il Bovalino ed il Città di Cosenza. Già disputate Città di Cosenza-Bovalino e Bovalino-Ecosistem, rimane da giocare lo scontro tra gli orange ed i lupi della sila per decidere chi si qualifica al turno successivo. La gara, che vedrà i lametini tra le mura amiche, si presenta abbastanza ardua per Sperlì e compagni vuoi per la forza dell’avversario, in testa alla classifica ed imbattuto con una sola gara pareggiata proprio contro la formazione della piana, vuoi per la classifica del girone e del regolamento. La formazione cosentina aveva perso la gara interna contro il Bovalino ma, a seguito reclamo, si è vista assegnare la vittoria a tavolino per 6-0. L’Ecosistem dal canto sua ha perso di misura sul campo del Bovalino e quindi decisiva la sfida del Palasparti. 
    Il Cosenza parte quindi da un +6 nella differenza reti, ecco perché sarà difficile centrare vittoria e qualificazione al turno successivo. Per farlo, l’Ecosistem dovrebbe vincere con 4 reti di differenza. Compito difficilissimo contro una squadra imbattuta ma non impossibile. 
    Per il Presidente Orage, Francesco Manfredi, «il bilancio di questa prima parte della stagione è senz’altro soddisfacente. È il nostro primo anno nella serie B nazionale ed ai ragazzi ed al mister avevamo chiesto un campionato che ci desse la possibilità di capire livello ed organizzazione di un impegno così importante sia a livello tecnico che logistico. Devo dire che ci siamo trovati subito benissimo confrontandoci con realtà già consolidate a questo livello. Sicuramente un momento di confronto e di crescita al fine di poterci migliorare, speriamo che questo trend di crescita continui anche nella seconda parte della stagione. Le nostre aspettative sono, come avevamo preventivato, quelle della salvezza ma visto il roster e la capacità di cresciuta dei ragazzi credo che potremmo ambire anche a qualcosa di più». 
    Sulla partita di domani il Presidente non ha dubbi su quella che potrebbe essere la spettacolarità del match: «un impegno difficilissimo ma non impossibile; bisogna giocare fino alla fine e non mollare mai. Colgo l’occasione per invitare gli amici a venire a vedere una bella partita e non è detto che non ci sia qualche sorpresa anche perché, qualche regalo, i ragazzi se lo meritano. Approfitto dell’occasione – chiude Manfredi – per formulare i migliori auguri di Buon Natale e Felice Anno Nuovo alla nostra squadra, agli avversari ed a tutto il pubblico che ci segue appassionatamente». 
    Per la partita di domani pomeriggio, alle 16 al Palasparti, questi i 12 scelti da mister Carrozza: Portieri Sperlì, Mastellone e Sacco. Giocatori di movimento; Montesanti, Caffarelli, Mantuano, Iozzino, De Masi, Gerbasi, Crapella, Deodato, Scalese. Tre i portieri convocati e ben quattro Under in totale, compreso l’ultimo tesserato Mastellone.
    A dirigere la gara saranno Vincenzo Lo Presti di Agrigento e Fabio Alfio Sfilio di Acireale con Andrea De Luca di Paola cronometrista.
     

    Più informazioni su