Quantcast

Trasferta di Coppa a Molfetta per la Royal Team Lamezia

Le lametine si sono qualificate insieme a Fasano, Molfetta e Lauria per decidere chi sarà la rappresentante del girone D alla Final Four prevista per il 14 e 15 marzo.

Più informazioni su


    Settimana di riposo per il campionato di serie A2 di calcio a 5 femminile ma non per le formazioni qualificate al primo turno di Coppa Italia. Tra queste la Royal Team Lamezia in virtù del terzo posto in classifica al termine del girone di andata. 
    Le lametine si sono qualificate insieme a Fasano, Molfetta e Lauria per decidere chi sarà la rappresentante del girone D alla Final Four prevista per il 14 e 15 marzo. Gli incroci tra queste formazioni sono stabiliti dalla posizione in classifica e quindi alla Royal è toccato in sorte il Molfetta, incrociato proprio domenica scorsa nella prima del girone di ritorno tra le mura amiche. Una squadra forte e completa in ogni reparto che è un’autentica macchina da gol quella pugliese, che però non ha trovato vita facile contro le biancoverdi. Il passaggio del turno sarà in gara secca, altro non da poco vantaggio per le pugliesi che possono sfruttare il fattore campo, e quindi tutti i favori del pronostico sono per il quintetto di mister Diego Iessi ma, dall’altra parte, capitan Primavera e compagne non sono disposte a far da vittima sacrificale e come al Palasparti vogliono mettere in difficoltà le avversarie. 
    Certamente bisognerà fare molta più attenzione perché ogni errore può venire punito dalle micidiali ripartenze avversarie. «Sarà una bella partita tra due squadre che ormai si conoscono bene e questo è positivo per potersi esprimere al meglio» reputa una delle veterane biancoverdi, Stefania Corrao, «questa settimana abbiamo lavorato abbastanza bene e, sinceramente, sono positiva. Noi sicuramente cercheremo di giocarcela, poi vedremo come andrà a finire. Campionato o coppa cambia poco, tutte le partite le devi giocare fino alla fine dando il massimo. Del resto la nostra mentalità è quella di non mollare mai come del resto abbiamo fatto domenica scorsa con un finale in crescendo». 

    Più informazioni su