Riprendono le competizioni per la Rari Nantes di Lamezia Terme

Per i più piccoli gara non ufficiale in piscina, per i più grandi la prova nel lago a Lorica

Più informazioni su

Riprendono le competizioni per la Rari Nantes di Lamezia Terme. Sabato mattina, nella Piscina Comunale di Lamezia Terme, gara ‘non ufficiale’ fortemente voluta da alcune società ed organizzata dalla Arvalia Nuoto con più di 80 bimbi coinvolti, dove i 3 esordienti, i fratelli Perri, Carlo e Francesco, e Totò Di Natale hanno saputo riprendere il filo interrotto a febbraio gareggiando con voglia e caparbietà e riuscendo a migliorarsi quasi senza accorgersene, in modo naturale.

Ieri mattina, al Lago Arvo in Sila, è stata la volta del 1° Miglio Aqa, organizzato dal Cosenza Nuoto, con titolo sia nei maschi che nelle femmine con le vittorie di Matteo Torchia e di Marina Luperi.

Una truppa agguerrita di 9 atleti, con Marina e Matteo anche Lucia Giampà, prima nella categoria Juniores e seconda assoluta, Andrea Calò, terzo nella categoria Ragazzi, Martina Dattilo, terza nella categoria Ragazze, Carlo Perri, terzo nella categoria Esordienti A, ed anche Michela Saladino, Angelo Ventura ed Alessandro Davoli, che con i loro piazzamenti hanno contribuito alla terza posizione nella classifica a squadre.

Con 123 atleti alla partenza, a sfidarsi in gruppi di 20 per ogni partenza, come previsto dalle normative federali in materia di contenimento del Covid-19, l’incertezza in più è stata legata al tempo e ai differenziali tra un gruppo e quello successivo. Una modalità che rende la competizione un misto tra il naturale ‘corpo a corpo’ del nuoto in acque libere e la gara a cronometro dove la tua posizione di arrivo non dipende solo dal fatto che tu tocchi per primo ma anche da quello che tu sia stato più veloce di chi è partito dietro di te.

Queste le parole del Tecnico Carlo Chelli: «hanno sofferto parecchio in questi mesi passati tutti questi ragazzi, costretti a mordere il freno della loro vitalità ed esuberanza, a modificare il loro stile di vita, le loro abitudini ed il loro naturale modo di essere. Hanno deciso di partecipare in 9, un numero non irrisorio se si considera che non arriviamo a 20 se contiamo chi avrebbe potuto partecipare e se si considera che nuotare in un lago era una novità per tutti, visto che nella vostra meravigliosa terra siete così ricchi di un mare trasparente che questa era la prima assoluta di una gara di nuoto in un lago in Calabria. Ma penso che chi ha deciso di esserci se la sia goduta. Così come me la sono goduta io, che li vedevo nuotare in quel posto da favola e che leggevo i loro movimenti in quel contesto come si trattasse di un binomio di armonie della natura».

Il tecnico valuta che «la ripartenza non poteva essere migliore, anche se i risultati non fossero stati quelli che abbiamo conseguito, che sono oggettivamente molto ma molto buoni. Sono orgoglioso di questi ragazzi, di loro ma anche di tutti coloro che sono scesi in acqua dandosi battaglia, festosi e felici, sorridenti e pieni di vita. Un grande messaggio di speranza per una ripresa che non sarà semplice, ma che ci dovrà vedere impegnati sinergicamente per cercare di dare un futuro ai sogni sportivi di tutti questi nostri giovani. Occorre unirsi, trovare soluzioni comuni e fare sistema attraverso le competenze di ognuno, perché come abbiamo imparato sulle spalle di tutti noi, nessuno si salverà da solo».

Prossimi appuntamenti il 2 agosto con la Traversata dello Stretto, con Luperi e Torchia, poi il Campionato Regionale valido come Campionato Italiano distanziato, a Cosenza il 3-4-5 agosto, il Cool Miglio, da noi organizzato l’8 agosto, il Miglio di Trebisacce il 9 agosto ed infine il Campionato Italiano Assoluto a Roma con la Luperi dall’11 al 13 agosto.

Più informazioni su