Prima trasferta stagionale per la Vigor Lamezia Women e terzo impegno ufficiale di una stagione tribolata

Ad Ariano Irpino dove, con una settimana di ritardo rispetto al calendario originale, affronterà la formazione locale. 

Più informazioni su

È arrivato il momento di muoversi anche per la Vigor Lamezia Women. Dopo due gare interne, e tanti rinvii, la formazione biancoverde deve mettersi in pullman per raggiungere domani Ariano Irpino dove, con una settimana di ritardo rispetto al calendario originale, affronterà la formazione locale.  Quella formazione irpina che doveva essere il prossimo avversario, nello scorso campionato, quando fu decretato il lockdown.

La squadra del presidente Mazzocca anche la settimana scorsa, causa sospensione del torneo per cercare di recuperare le gare rinviate per Covid, ha riposato e la voglia di misurarsi in campo è tanta; in più di 2 mesi e mezzo sono state solo 2 le gare ufficiali disputate, e questo non giova molto alla crescita del gruppo che, dopo tanto lavoro deve trovare controprova in campo degli insegnamenti di mister Monti.

Le prime 2 gare sono state tutto sommato soddisfacenti, con un pizzico di rammarico per il pareggio con Taranto dopo il doppio vantaggio, ma ora c’è da misurarsi in trasferta contro una squadra che proprio settimana scorsa è stata sconfitta, in casa, dallo stesso Taranto in rimonta.  Un team che ha un buon roster, in grado di giocarsi tutte le partite ed a pari delle lametine potrebbe essere la sorpresa o mina vagante del torneo.

Al termine dell’ultimo allenamento settimanale queste le convocate da mister Monti: Jammoul, Fakaros, Perri, Arzente, De Sarro, Praticò, Aliotta, Linza, Ierardi, Masaro, Ferreira.

La gara di Ariano Irpino  avrà inizio alle 16,  a porte chiuse per le direttive emanate dalla Divisione proprio per queste occasioni, compresa la diretta streaming per consentire ai supporter di seguire comunque le ragazze nel loro impegno.

La direzione della gara è stata affidata a Manuel Terracciani di Napoli e Michelangelo Arminio di Nola, con Elio Simone di Napoli al cronometro.

Più informazioni su