Quantcast

Tra Covid-19 e problemi nella fornitura elettrica slitta a febbraio la consegna del nuovo palasport

Rimane nel frattempo il problema degli altri lavori legati alla viabilità, l'arredamento e strumentazione interni, la futura gestione.

Più informazioni su

Concessa all’impresa Ferraro Spa l’ulteriore proroga di 100 giorni, fissando il termine ultimo dei lavori al 5 febbraio 2021 per quanto riguarda il nuovo palasport di via del Progresso, che sarebbe dovuto essere consegnato a fine ottobre.

Le ultime vicende son partite il 26 ottobre con la ditta ad aver chiesto un’altra proroga di 40 giorni , concessa il 3 novembre, evidenziando la necessità che si completasse l’iter per la fornitura di energia elettrica ed il completamento di attività di cantiere afferenti gli impianti impianti elettrici e termoidraulici. Da 40 però i giorni son diventati 100 ora tra i rallentamenti dovuti alle conseguenze della pandemia ma anche problemi interni a via Perugini.

Infatti la fornitura dell’energia elettrica è stata in una prima fase negata «a causa di pagamenti non definiti con la società fornitrice», si spiega nella determina, e solo il 4 novembre la società AGSM S.P.A., «dopo vari solleciti, ha trasmesso il preventivo di spesa», ed il 24 novembre «documentazione integrativa comprensiva delle condizioni generali della fornitura. In data 01/12/2020 con prot. 76749 si è proceduto ad restituire all’ AGSM S.P.A la documentazione firmata con accettazione del preventivo di spesa. In data data 11/12/2020 la società AGSM S.P.A. ha trasmesso la fattura prot, 77081 del 03/12/2020 come da condizioni contrattuali».

Occorre ora procedere «all’impegno di spesa per la liquidazione delle somme ad AGSM S.P.A ed Enel Distribuzione dovrà acquisire le autorizzazioni anche da parte della Provincia per avere l’effettiva disponibilità in cantiere dell’energia in MT».

Rimane nel frattempo il problema degli altri lavori legati alla viabilità visto che sui Cis tutto tace, l’arredamento e strumentazione interni (in commissione consiliare si era richiesto di far tornare tale evenienza all’interno dell’accordo con la Ferraro senza passare da un altro bando esterno), la futura gestione.

Più informazioni su