Quantcast

Ripartenza dell’Eccellenza con ipotesi di un girone tra Calabria e Basilicata per raggiungere le 10 partecipanti

Castelluccio e Montescaglioso hanno già dato il proprio benestare, Grumentum Matera e Melfi sono ancora in dubbio

Si va verso la ripartenza dell’Eccellenza, con ipotesi di un girone che unirà Calabria e Basilicata.

Nella riunione odierna convocata dal presidente Mirarchi sono state 8 su 17 le formazioni calabresi che ufficialmente hanno dato la propria adesione, con termine mezzogiorno di domani per eventuali nuove iscrizioni da comunicare comunque entro questa sera verosimilmente, per poi inviare alle 15 a Roma il format ed il calendario del nuovo massimo campionato regionale da far partire dopo Pasqua.

Eccellenza, la Figc attende i calendari dalla Lnd per chiedere al Coni il via libera. Sì a gironi interregionali

Il minimo di composizione del girone è fissato dalle indicazioni nazionali in 10 unità, con 4 squadre lucane interessate ad inserirsi nel girone: Castelluccio e Montescaglioso hanno già dato il proprio benestare, Grumentum Matera e Melfi sono ancora in dubbio.

Attualmente le squadre calabresi ad essere pronte a ripartire sono:

  • Locri
  • Palmese
  • Reggiomediterranea
  • Sambiase
  • Sersale
  • Scalea
  • Soriano
  • Vigor Lamezia

Anche se con un girone misto tra due regioni, con quindi trasferte più lontane in alcuni casi, ad essere promossa direttamente in serie D dovrebbe essere una sola compagine, mentre una seconda sarà inserita nelle graduatorie di ripescaggio. Dati gli effetti della pandemia sia sul piano sanitario che economico, non è improbabile che la stagione 2021/2022 preveda diverse defezioni con organici da implementare, con anche meno concorrenti in lizza a livello nazionale tra comitati che non ripartiranno ed altri ad organico ridotto, oltre all’annullamento della fase interregionale che tra play off e Coppa Italia metteva in palio alcuni posti in serie D.

Sui tamponi ed eventuali ristori si è discusso anche durante la riunione odierna, attendendo le comunicazioni ufficiali dal livello nazionale ma ottenendo rassicurazioni da quello regionale.