Quantcast

Sorpasso e vittoria nel finale per il Basketball Lamezia contro la Bim Bum Basket Rende

Al Palsparti finisce 65-64 per i gialloblu

Più informazioni su

BASKETBALL LAMEZIA – BIM BUM BASKET RENDE 65-64 (12-17, 27-32, 41-48, 65-64)

Basketball Lamezia: Sindoni 16, Spasojevic 5, Monier 8, Elia, Ferretti 4, Conti, Luzza 14, Giampà, Perrone, Miscimarra. Scialabba 11, Fall 7. All Barilla Ass Barbuto

Bim Bum Rende: Cerosimo 3, Raicevic 15, Dodaro, Coluccio, Lalic 13, Guzzo 6, Pettinato, Markovic 2, Konate 1, Misolic 6, Pekovic, Dmitrovic 18. All Carbone As Carbone

Arbitri: Cozzoli di Lamezia Terme e Migliaccio di Catanzaro

Portano bene al Basketball Lamezia le nuove divise “warrior”, con i gialloblu che inseguono per tutta la gara la Bim Bum Basket Rende e trovare per la prima volta il vantaggio a 18 secondi dal termine che però vale il match

Dopo 4:30 di gioco arriva il primo canestro dal campo di Lamezia, ma anche Rende ha iniziato con le polveri bagnate, e solo nei secondi 5 minuti del primo quarto le due squadre iniziano ad avere percentuali al tiro migliori. Nell’ultimo minuto sono gli ospiti a trovare l’allungo, sfruttando un frangente di minore lucidità dei gialloblu, chiudendo il quarto in vantaggio per 17-12 ma con tripla a fil di sirena di Scialabba a tenere alta la tensione sportiva.

A suon di triple i biancorossi trovano un parziale positivo (14-25), la reazione delle fenici passa da una stoppata di Scialabba ed una tripla di Sindoni (19-25) che inducono il coach ospite a fermare il gioco e riordinare le idee. Gli stessi protagonisti in attacco, ed un migliore atteggiamento difensivo, riportano Lamezia in partita punto a punto, ma all’intervallo si va sul 27-32 dopo una tripla di Dimitrovic.

Dopo 60 secondi dal rientro in campo Rende torna sul vantaggio in doppia cifra (27-37), allungando anche favorita dall’eccesso di frenesia in alcune giocate dei già imprecisi padroni di casa (30-46). Di orgoglio Monier e compagni trovano però la giusta reazione, accorciando sul 41-48 all’ultimo riposo.

La prima schiacciata della gara, ad opera di Luzza, arriva dopo 1 minuto di gioco del quarto quarto (44-51), ma Lamezia alterna fasi di buona intensità con palle perse in modo ingenuo favorendo la gestione di Rende (47-53).

La squadra di coach Barilla ricuce ulteriormente a 4”20 dalla fine (52-56), Dimitrovic sbaglia due liberi e commette fallo in attacco sui due attacchi successivi, ma anche Monier replica con poca lucidità con 1 su 2 dalla linea della carità ed un alley oop non ben calibrato per Fall (55-58).

La pareggia Luzza con libero segnato e rimbalzo con canestro sul secondo tentativo a 120 secondi dal termine, e così terza gara di C Gold e terzo finale thrilling per i gialloblu: Rende realizza metà dei liberi concessi (58-60), Fall non li sbaglia (60 pari), Lalic trova la tripla e libero aggiuntivo (60-64), Scialabba la tripla secca (63-64) a 18 secondi dal termine, con sulla rimessa successiva al time out Fall in versione piovra nel rubare palla e lanciare Monier per il primo sorpasso gialloblu (65-64). A chiudere la gara è un fischio arbitrale sotto canestro Lamezia, che fischia il fallo in attacco a Rende sulla difesa in combo di Scialabba e Ferretti.

Lo score per i padroni di casa vede Sindoni 16, Spasojevic 4, Monier 7, Elia Ferretti 4, Luzza 11, Scialabba 11, Fall 7.

Domenica sarà di riposo per Lamezia, visto il rinvio della gara di Salerno.

Più informazioni su