Quantcast

Gol, proteste, polemiche e risultato ribaltato per la Vigor Lamezia contro la Reggiomediterranea

Due reti incassate in 20 minuti, 4 messe a referto nella ripresa, 2 rigori, 1 espulsione al D'Ippolito

Più informazioni su

VIGOR LAMEZIA: Gentile, Vitolo, Paviglianiti, Amendola, Carubini (30’st Malerba), Cucinotti, Foderaro (23’ st Martinez), Scozzafava (1’st Lugo Martinez), Haberkon (37’st Zuppardo) Ferrara (39’pt Giaimo), Russo.

A disp. Parisi, Giampietruzzi, Malerba, Villa, Gullo.

All: Vargas

REGGIOMEDITERRANEA: Marino, Lanza, Verduci (31’ st Zanello), Lopez, Foti, Currò (33’st Cento), Maugeri (14’st Ramacciotti), D’Alloro (29’st Pitasi), Padin, Puntoriere, Lancioni (23’st Trepat).

A disp: Morabito, Zanello, Saba, Cento, Semenzin, Stefanazzi

All: Mesiti

ARBITRO: Ramundo di Paola. Assistenti Presta di Cosenza e Piccolo di Vibo Valentia

RETI: 12’pt Foti , 18’pt Lancioni, 4’st Russo (rig), 7’st CuciinottI, 11’st Russo, 25’st Haberkon

NOTE: Ammoniti: Lanza, Paviglianiti, Carubini, Foti. Espulso al 14’ st Lopez

Angoli:6-1 Rec: 2’pt 5’st

Dalla quasi clamorosa debacle, con 2 reti incassate in 20 minuti dopo che lo stesso score si era avuto nelle 7 gare precedenti, alla rimonta in altrettanto tempo al rientro in campo dopo l’intervallo, un altro gol ed un rigore sbagliato per la Vigor Lamezia, che così mette in campo una gara ben diversa dallo 0-0 di poche settimane fa contro la stessa Reggiomediterranea.

La compagine reggina, recuperati diversi titolari rispetto al campionato, accarezza l’ipotesi di fare lo sgambetto ai padroni di casa, salvo poi subire rimonta nella ripresa e nervosismo con polemiche e proteste anche in campo, non trovando più i giusti equilibri una volta rimasta in 10 per l’espulsione di Lopez.

Tra 7 giorni stracittadina contro il Sambiase con in palio la finale per l’accesso in serie D, e già il 25 aprile l’1-1 finale riservò una gara gagliarda e con contestazioni.

PRIMO TEMPO

0′ 4-3-3 per i biancoverdi con Amendola che prende il posto dello squalificato Miliziano sull’out destro, 4-2-3-1 per i reggini, con l’inno della Vigor Lamezia che torna nella versione precedente alla gestione Saladini ed in campo il tigrotto mascotte a sfidare il caldo per salutare il pubblico tornato sugli spalti, anche se solo al 25% della capienza del D’Ippolito

4′ Partita aperta e con rapidi capovolgimenti di fronte fin dai primi minuti. I padroni di casa ci provano con Scozzafava, tiro da fuori area che termina alto

6′ Vitolo trova Russo in area, il numero undici biancoverde è bravo a smarcarsi, ma il suo tiro a giro a sorprendere Marino si perde di poco a lato.

12’ arriva alla prima occasione il vantaggio ospite: disattenzione difensiva sulla punizione dal limite di Padin e palla che arriva a Foti che dal limite sorprende sul suo palo Gentile con un rasoterra

16’ Russo ci prova dalla destra il portiere respinge, Cucinotti riprende e palla poco sopra la traversa

18’ raddoppio della Reggiomediterranea con Lancioni, altro rasoterra e Gentile preso controtempo

20′ Ferrara da dentro l’aera prova a replicare, troppo debole per impensierire Marino

23’ Cucinotti solo dentro l’area a botta sicura, Marino si trova sulla traiettoria e para senza problemi

28’ lancio dalle retrovie direttamente per Haberkon, diagonale ad incrociare che esce di pochi centimetri

30’ punizione Padin che trova in area D’Alloro tutto solo, che manda però alto

43’ cross di Vitolo per Haberkon, colpo di testa troppo centrale per impegnare Marino

SECONDO TEMPO

4’ Russo penetra in area e viene fermato fallosamente secondo l’arbitro da Maugeri: rigore che lo stesso numero 11 realizza spiazzando Marino

7′ Cucinotti ribatte in rete un pallone giunto in area su punizione di Russo pareggiando il conto delle reti

11’ Vigor Lamezia che completa la rimonta con Russo che servito dalla retrovie controlla, supera Foti e Lanza e da fuori area trova la parabola sotto il sette alla sinistra di Marino

14’ altro lancio lungo su Foderaro, l’attaccante viene fermato in area da Lopez che rimedia anche il rosso come ultimo uomo. Lunghe proteste della compagine ospite, con Marino che minaccia anche il ritiro dal campo, e solo al 18′ si presenta sul dischetto Foderaro, la cui conclusione viene parata dal portiere reggino in tuffo

23’ Lancioni su punizione dal limite dalla destra sfiora il palo

25’ Haberkon si incunea bene in area, Marina para la prima conclusione ma la palla vagante rimane a disposizione dell’attaccante argentino che ribadisce in rete il 4-2

31’ Martinez prova il tiro a giro, palla sopra la traversa

34′ Russo scatta sul filo del fuorigioco, palla fuori dallo specchio

39′ sinistro alto di Padin

41’ Cucinotti colpo di tesa e salvataggio di istinto da parte di Marino, Zuppardo rimette al centro dove Russo liscia il tap in

44’ Zuppardo in area controlla e prova a trovare l’angolo destro, bravo Marino a respingere di piede

46’ ancora Zuppardo tira di potenza, Marino respinge senza problemi

50′ punizione di Puntoriere dal limite di poco a lato

Più informazioni su